Caricamento in corso...
03 ottobre 2010

Mondiali, in Australia trionfa Hushovd. Pozzato quarto

print-icon
spo

Il norvegese Thor Hushovd ha vinto allo sprint la prova in linea riservata ai professionisti dei Mondiali di ciclismo (foto Ansa)

L'Italia resta lontana dal podio, mentre il norvegese vince allo sprint la prova di ciclismo in linea da Melbourne a Geelong (262 Km). Argento per il danese Breischel, bronzo all'australiano Davis. GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Sfoglia l'album dei campioni del pedale

Mondiali: ecco il percorso di Melbourne nel dettaglio

Bomba su Contador, positivo al Tour: l'Uci lo sospende

Il trionfo
- Il norvegese Thor Hushovd ha vinto allo sprint la prova in linea riservata ai professionisti dei Mondiali di ciclismo. "Il finale era adatto alle mie caratteristiche, e le ho sfruttate alla grande". Il norvegese commenta così il suo successo in terra australiana, a Geelong, in casa del campione uscente Cadel Evans.

La delusione azzurra
- L'Italia rimane ai margini del podio. Il capitano azzurro Filippo Pozzato si è piazzato al quarto posto nella volata generale che ha assegnato la maglia iridata. Al secondo posto, dietro a Hushovd, il danese Matti Breischel, terzo l'australiano Allan Davis.

Cronaca di una sconfitta - In mezzo ai canguri spunta dunque un vichingo, così Thor Hushovd, il ciclista con il nome da dio del tuono, regala alla Norvegia il suo primo titolo iridato. Un risultato storico che il corridore scandinavo, rimasto al coperto per tutto il giorno, ha raccolto venendo fuori negli ultimi trenta metri e sfruttando una delle sue caratteristiche migliori, la capacità nello sprint. "Il finale era adatto alle mie caratteristiche, e le ho sfruttate alla grande", sottolinea Hushovd a fine gara.

Così vince il ciclista con un passato nello sci di fondo, e l'Italia rimane a bocca uscita nel circuito dov'è di casa il campione uscente Cadel Evans, idolo locale che si è impegnato e ha dato spettacolo per tutto il giorno, infiammando il pubblico, ma che alla fine si è dovuto accontentare del 17mo posto lasciando il podio al connazionale Allan Davis, altro uomo veloce oggi piazzatosi al terzo posto. Dietro a lui, beffato per una manciata di centimetri, è arrivato il grande deluso di questa giornata, quel Filippo Pozzato che ha chiuso al quarto posto, fallendo quindi il salto di qualità definitivo e non riuscendo a regalare una medaglia all'Italia del pedale. Il vicentino che vive a Montecarlo, e che per il Mondiale era in astinenza sessuale da maggio, sognava la maglia iridata (era tra i favoriti) per se stesso e per onorare al meglio la memoria di Franco Ballerini, ma a volte capita che la squadra giri al meglio, lavori e faccia la corsa per tutto il giorno, com'è successo oggi all'Italia (grande, in particolare, il lavoro di Tosatto e Nibali) ed anche al Belgio, ma poi di non raccogliere niente.

Pozzato è stato "portato" bene dai compagni e ha fatto la corsa sul temibile Oscar Freire, spagnolo che in Australia avrebbe voluto conquistare la sua quarta maglia iridata (sarebbe stata un'impresa, finora mai riuscita a nessuno). Sembrava ben posizionato ma si è dovuto arrendere non solo alle difficoltà delle corsa, ma anche ai crampi che hanno cominciato a tormentarlo ad una quindicina di chilometri dal traguardo. "Ne avevo anche sulle orecchie", ha esagerato l'azzurro. Per il ct Bettini "c'è poco da recriminare, la squadra ha fatto ciò che doveva, ha lavorato di comune accordo con i belgi e si è presa le sue responsabilità. Ma poi ci sono anche gli avversari: complimenti a Hushovd che, pur senza squadra, ha avuto le gambe per gestirsi".

Il successo del norvegese, che praticamente ha corso da solo visto che la sua nazionale era composta da soli tre atleti, suona come una beffa per gli azzurri, in tanti e quasi sempre in prima fila per cercare di fare la corsa, forse con troppa foga al punto da rimanere con poca lucidità ed energie nel finale. Ma questa è, come l'ha definita  Bettini a fine gara, "la danza dei se e dei ma che cominceranno adesso". Fra i quali c'è anche la considerazione che forse un velocista come Bennati a Geelong avrebbe fatto comodo.

L'urlo di Hushovd sul traguardo, dopo la volata finale con gli ultimi 750 metri in salita al 7% e il colpo di reni che gli ha permesso di domare la resistenza del danese Matti Breschel, e l'espressione amara di Pozzato sono le immagini che resteranno di questa gara. Ma fra i grandi delusi di giornata c'è sicuramente anche il belga Philippe Gilbert. Era il favorito numero uno, aveva corso bene schierando i suoi sempre davanti assieme agli italiani, e si era impegnato in prima persona per riportare sotto il gruppo dei migliori quando una fuga a cinque, cominciata a 42 km. dal traguardo, in cui c'erano dentro gli azzurri Nibali e Visconti (due siciliani), sembrava poter assumere sviluppi pericolosi.

Poi Gilbert sembrava aver piazzato la botta vincente scattando sulla salita a dieci chilometri dal traguardo, una botta micidiale con cui faceva il vuoto dando l'impressione di aver chiuso i giochi, guadagnando subito fino a 24 secondi di vantaggio. Poi però ritrovava il vento contro, quindi in faccia, e doveva cedere facendosi riprendere a tre chilometri e mezzo dal traguardo. "Quando è scattato e se n'è andato via - ha ammesso Hushovd - ho pensato che il Mondiale era finito. Poi mi sono accorto che c'era tanto vento, e allora mi sono detto che era possibile riprendere Gilbert. Ma se non ci fosse stato il vento, il belga sarebbe arrivato al traguardo". L'anno prossimo si replica a Copenaghen, "ci riprovo sicuramente" ha sottolineato Pozzato, ma il circuito danese sembra adatto ai velocisti ancor più di questo di Geelong. Ecco perché forse Bettini farebbe meglio a cercare se esiste davvero l'erede di Mario Cipollini.

La classifica dei Mondiali di ciclismo 2010


1. Thor Hushovd (Nor) - 262,7 km in 6 h 21'49" - (media 40,417 km/h)
2. Matti Breschel (Dan)
3. Allan Davis (Aus)
4. Filippo Pozzato (Ita)
5. Greg Van Avermaet (Bel)       
6. Oscar Freire (Spa)            
7. Alexandre Kolobnev (Rus)      
8. Assan Bazayev (Kaz)           
9. Yukiya Arashiro (Gia)         
10. Romain Feillu (Fra)          
11. Grega Bole (Slo)              
12. Dmitriy Fofonov (Kaz)         
13. Koos Moerenhout (Ola)         
14. Fabian Wegmann (Ger)          
15. Andre Cardoso (Por)           
16. Frank Schleck (Lux)           
17. Cadel Evans (Aus)
18. Philippe Gilbert (Bel)    
19. Niki Terpstra (Ola)        
20. Bjorn Leukemans (Bel)       

Guarda anche:
L'urlo di Thor: "Ho vinto grazie alla Vuelta"
Pozzato: "Avevo crampi anche alle orecchie"

Commenta nel Forum del Ciclismo



Tutti i siti Sky