Caricamento in corso...
16 ottobre 2010

Giro di Lombardia, Nibali prova il colpaccio

print-icon
nib

Vincenzo Nibali fresco vincitore della Vuelta proverà a far suo anche il Giro di Lombardia (Getty Images)

Prenderà il via oggi da Milano la "classica delle foglie morte" giunta alla sua 104esima edizione. Grande attesa per l'italiano, trionfatore alla Vuelta che dovrà guardarsi da avversari agguerriti come Tor Hushovd, Andy Schleck e Cadel Evans

Sfoglia l'album del ciclismo

Arriva l'autunno e, puntuale come ogni anno, scatta la "Classica delle foglie morte": il Giro di Lombardia, giunto alla sua edizione numero 104 e ultima grande gara della stagione ciclistica internazionale. Appuntamento irrinunciabile per i giganti delle due ruote, amatissimo da Fausto Coppi - che ha reso immortale, con le sue gesta, la salita della Madonna del Ghisallo - il Lombardia prenderà il via oggi da Milano. Un gradito ritorno: era dal 1984, anno in cui trionfo' Bernard Hinault, che la corsa - a lungo ribattezzata il "Mondiale d'Autunno" - non partiva dal capoluogo di regione.

Arrivo come da tradizione, invece, sul lungolago di Como dopo l'ultimo strappo, il colle del San Fermo della Battaglia, arroccato a poco chilometri dal traguardo. L'ultimo strappo di una gara dura, attorcigliata su 260 chilometri densi di salite, compresa la novità di questa edizione, la Colma di Sormano, inserita al posto del Civiglio. Un passaggio impegnativo, a quota 1.124 metri, preceduto dall'ascesa più celebre: quella alla chiesetta della Madonna del Ghisallo (la Santa protettrice dei ciclisti) posta a 754 metri d'altezza nei pressi di Bellagio.

Spunto, decisamente selettivo, da sostenere prima dell'ultima fatica, la salita al San Fermo della Battaglia - quasi 3 chilometri con pendenza media del 6,8% e punte del 10% - e la conseguente discesa, lunga cinque chilometri, verso il traguardo. A darsi battaglia sulle strade di Lombardia, tutti i migliori interpreti delle corse di un giorno, compreso il neo campione del mondo, il norvegese Hushovd, chiamato a sfidare un parterre particolarmente ricco capeggiato dal vincitore della scorsa edizione, il belga Philippe Gilbert.

Reduce da un Mondiale opaco ma favorito d'obbligo - fresco di vittoria, appena ieri, nella 96esima edizione del Gran Piemonte - Gilbert ha interrotto, lo scorso anno, un dominio azzurro durato dal 2001 al 2008 (tre successi per Cunego, due a testa per Bartoli e Bettini, uno per Di Luca) e, in questa edizione, si trova a fronteggiare la voglia di successo di pretendenti come l'ex iridato Cadel Evans, Michele Scarponi, Alexander Kolobnev, Dario Cataldo (vincitore, domenica scorsa, del Trofeo Beghelli), Andy Schleck e, soprattutto, Vincenzo Nibali, fresco trionfatore nella Vuelta di Spagna.

Leggi anche
Barbara Pedrotti, la voce del ciclismo che studia da Ilaria

Tutti i siti Sky