Caricamento in corso...
14 maggio 2011

Giro: a Tropea Gatto rischia la fine del topo con Contador

print-icon
gat

Tutta la gioia di Oscar Gatto sul traguardo dell'ottava tappa del Giro a Tropea

Sul traguardo dell'ottava tappa trionfo a braccia alzate per il velocista della Farnese che, scattato a 1,5 km dall'arrivo, è riuscito a vincere davanti al ciclista della Saxo. Weening resta in rosa, lo spagnolo sale al quinto posto grazie agli abbuoni

Vai allo Speciale: foto, video, tutte le news sul Giro 2011

Tutte le tappe del Giro 2011

Sfoglia tutto l'Album delle imprese a due ruote

Un italiano torna a vincere al Giro d'Italia. Oscar Gatto (Farnese Vini) si aggiudica l'ottava tappa, Sapri-Tropea, di km 217. Sulla carta era una giornata per velocisti e invece la vittoria è arrivata da uno spunto di Gatto, partito a un chilometro e mezzo dal traguardo. Ma la sorpresa è stato il secondo posto di Alberto Contador, che grazie agli abbuoni risale in classifica al quinto posto, davanti a Michele Scarponi. Lo spagnolo è partito a circa un chilometro dall'arrivo lanciandosi all'inseguimento di Gatto e tagliando il traguardo appena dietro a lui. Lo sprint del gruppo è stato regolato da Alessandro Petacchi. Weening resta in maglia rosa.

Oggi tappa quasi interamente pianeggiante (senza Gran premi della montagna) lungo tutta la costa tirrenica della Calabria. Prima di Tropea un leggero strappo in salita, poi l'arrivo di nuovo in piano. A Lemezia Terme i corridori hanno affrontato un traguardo volante speciale, sul luogo dove il 5 dicembre scorso otto cicloamatori furono travolti e uccisi da un pirata della strada. Il direttore di corsa Mauro Vegni ha deposto un mazzo di fiori sulla stele posta a ricordo dell'incidente. Un messaggio in ricordo delle vittime anche da parte del sottosegretario all' Interno Michelino Davico.

La tappa ha vissuto sulla solita fuga da lontano: dopo due chilometri sono scattati due italiani, Leonardo Giordani (Farnese Vini) e Mirko Selvaggi (Vacansoleil). I due hanno raggiunto un vantaggio di oltre dieci minuti viaggiando a medie sostenute oltre i 40 orari, prima di essere ripresi a sette chilometri dal'arrivo.

Domani ci sarà il secondo arrivo in salita del Giro dopo quello al Santuario di Montevergine. La carovana si trasferisce in Sicilia per affrontare la nona tappa di 169 km, da Messina fin sull'Etna. I corridori saliranno due volte: la prima è un'ascesa di 18 km con pendenze fino all'11%. la seconda è la più lunga del Giro (20 km) con pendenze massime del 12%.

L'ordine d'arrivo dell'ottava:
1. Oscar Gatto (Ita) - Farnese Vini-Neri Sottoli - 4h59'45";
2. Alberto Contador (Spa) - Saxo Bank SunGard, stesso tempo;
3. Alessandro Petacchi (Ita) - Lampre-ISD + 0'05";
4. Alexander Kristoff (Nor) - BMC, stesso tempo;
5. Roberto Ferrari (Ita) - Androni Giocattoli, stesso tempo;
6. Davide Appollonio (Ita) - Sky, stesso tempo;
7. Francisco Ventoso (Spa) - Movistar, stesso tempo;
8. Rinaldo Nocentini (Ita) - Ag2r, stesso tempo;
9. Christophe Le Mevel (Fra) - Garmin-Cervelo, stesso tempo;
10. Klaas Lodewyck (Bel) - Omega Pharma-Lotto, stesso tempo.

La classifica generale:
1. Pieter Weening (Ola) - Rabobank - 28h09'49";
2. Konstantin Sivtsov (Blr) - HTC-Highroad + 0'02";
3. Marco Pinotti (Ita) - HTC-Highroad, stesso tempo;
4. Christophe Le Mevel (Fra) - Garmin-Cerve'lo + 0'05";
5. Alberto Contador (Spa) - Saxo Bank SunGard + 0'13";
6. Michele Scarponi (Ita) - Lampre-ISD + 0'14";
7. Pablo Lastras (Spa) - Movistar + 0'22";
8. Vincenzo Nibali (Ita) - Liquigas-Cannondal + 0'24";
9. Steven Kruijswijk (Ola) - Rabobank + 0'28";
10. Josè Rodolfo Serpa (Col) - Androni Giocattoli + 0'33".

Guarda anche:
FOTO: Dramma al Giro, morto Weylandt - LA FOTOSEQUENZA DEI SOCCORSI - E la moglie Anne Sophie saluta il suo Wouter - Quel muro maledetto dov'è morto Weylandt - Wouter Weylandt, una vita spezzata al Giro: tutto l'album

Tutti i siti Sky