Caricamento in corso...
14 maggio 2011

Giro, ottava tappa tutta in pianura verso il mare

print-icon
gir

Nel 2005, l'unico precedente del Giro d'Italia a Tropea

Da Sapri a Tropea, 217 km pianeggianti dove gli sprinter potranno mostrare le loro abilità. Arrivati a Vibo Valentia, il ricordo, oltre a Weylandt, andrà agli otto cicloamatori morti lo scorso dicembre. Domenica c'è l'Etna che sembra essersi calmato

Vai allo Speciale: foto, video, tutte le news sul Giro 2011

Tutte le tappe del Giro 2011

Sfoglia tutto l'Album delle imprese a due ruote

Da Sapri, l’ultima punta a Sud della costiera del Cilento, l’ottava tappa del Giro arriva a Tropea, nella “Perla del Tirreneo”.  Una giornata di respiro per 217 chilometri pianeggianti, con un’impennata del sei per cento in prossimità del traguardo. Dopo il primo passaggio dal piccolo borgo di Maratea, incastonato tra Campania e Calabria, si proseguirà fino a Vibo Valentia dove in 25km gli sprinter potranno cominciare la loro volate.

A quel punto, De Clercq, Weening e gli altri ciclisti, aiutati dal percorso pianeggiante, potranno, tra una pedalata e l’altra, ricordare. Non solo Weylandt. Il 5 dicembre, vicino a questa tratta, morirono otto ciclisti del gruppo amatoriale “Sambiase” di Lamezia Terme, investiti da unMercedes guidato da un condecente fuori controllo e sotto effetto di stupefacenti.

A Tropea, il giro ha un solo precedente: nel 2005, quando vinse Paolo Bettini.  Il mare, a lungo costeggiato, servirà per avere una grande concentrazione.  Domenica l’Etna sarà ancora in scena. Questa volta non solo per una spettacolare eruzione, ma per una volata di fuoco.

Guarda anche:
FOTO: Dramma al Giro, morto Weylandt - LA FOTOSEQUENZA DEI SOCCORSI - E la moglie Anne Sophie saluta il suo Wouter - Quel muro maledetto dov'è morto Weylandt - Wouter Weylandt, una vita spezzata al Giro: tutto l'album

Tutti i siti Sky