Caricamento in corso...
20 maggio 2011

Giro, cancellato il Crostis: "Problemi di sicurezza"

print-icon
gir

Ciclisti sullo Zoncalan, la vetta alpina inserita nel percorso del Giro d'Italia nel 2003

Il presidente di giuria del Giro d'Italia, il belga Diederen, ha deciso di depennare la discesa dal monte Crostis, la vetta più alta della quattordicesima tappa sulle Dolomiti carniche. Le squadre stesse ne avevano sollecitato l'annullamento. IL VIDEO

Vai allo Speciale: foto, video, tutte le news sul Giro 2011

Tutte le tappe del Giro 2011 - 13a tappa a Rujano, ma il protagonista è Contador

FOTO: l'Album delle imprese a due ruote

Il monte Crostis "depennato" dalla 94esima edizione del Giro d'Italia per motivi di sicurezza. La direzione del Giro ha comunicato la modifica al percorso della quattordicesima tappa, da Lienz al Monte Zoncolan, che prevedeva i 14 km di salita (pendenza media del 10 e punte del 14) e discesa, da una delle vette più alte delle Dolomiti carniche e del Giro: 1982 metri d’altezza contro i 1730 dello Zoncolan. 

A decidere la modifica il presidente di giuria del Giro d’Italia, il belga Thierry Diederen, insieme ai commissari dell’Uci (Unione ciclistica internazionale). L'annullamento è legato non tanto a motivi di sicurezza dei corridori, ma a problemi di "sicurezza sportiva", si legge nella nota.  Dopo la tredicesima tappa da Splimbergo al Grossglckner, e, a seguito, della decisione della giuria, il direttore generale del Giro, Angelo Zomegnan ha commentato con un invito ai tifosi: “Chi aspettava il passaggio dei corridori sul Crostis si sposti sullo Zoncolan per una grande giornata di ciclismo”. Le squadre stesse avevano sollecitato l'annullamento della discesa.

Guarda anche:
FOTO: i funerali di Weylandt a Gand - Dramma al Giro, morto Weylandt - LA FOTOSEQUENZA DEI SOCCORSI - E la moglie Anne Sophie saluta il suo Wouter - Quel muro maledetto dov'è morto Weylandt - Wouter Weylandt, una vita spezzata al Giro: tutto l'album

Tutti i siti Sky