Caricamento in corso...
21 maggio 2011

Giro, si sale sullo Zoncolan: "Il Maracanà del ciclismo"

print-icon
iva

Ivan Basso vincitore della tappa sul Monte Zoncolan nella scorsa edizione del Giro d'Italia (Foto Getty)

Dopo la decisione di cancellare il Monte Crostis dalla quattordicesima tappa, il nuovo percorso sarà di 190 km anzichè 210. Si parte e si arriva in salita, con pendenze che sfiorano il 12%. Per gli inseguitori di Contador non sarà un'impresa facile. VIDEO

Vai allo Speciale: foto, video, tutte le news sul Giro 2011

Tutte le tappe del Giro 2011 - 13a tappa a Rujano, ma il protagonista è Contador - Giro, cancellato il Crostis: "problemi di sicurezza"

FOTO: l'Album delle imprese a due ruote


Il Giro arriva sullo Zoncolan, per la terza volta dal 2003. La seconda delle tre salite sulle Alpi dolomitiche non prevede più il monte Crostis ,  depennato ieri, in tarda serata, dal presidente di giuria del Giro d’Italia, Thierry Diederen.
Non più 210 km, il nuovo percorso sarà di 190 km. Dai 530 metri d’altezza iniziale, a Lienz, si passerà ai 1730 del monte Zoncolan, dopo aver sfiorato tratti al 22 percento e una pendenza media del 12. 

Dopo il traguardo sulle cime del “Concolan” come lo chiamano i friuliani, la classifica potrebbe essere già indicativa, con Alberto Contodar, ormai uscito allo scoperto .  Per gli inseguitori del ciclista spagnolo si tratta di mostare una prova di orgoglio, come è accaduto nella tredicesima tappa sul Grossglockner , vinta dal venezuelano Rujano.

Sulla decisione, last minute, di annullare quella che sarebbe stata la vetta più alta della tappa (1982 metri d'altezza), il presidente del Giro, Angelo Zomegnan è tornato sull’argomento: "Non c'entra la sicurezza: quella era assolutamente garantita. I ds e i team manager si sono spaventati e hanno demandato la decisione all'Uci (Unione ciclisti internazionale) che non conosce a fondo il percorso. L'Uci glielo doveva, è in debito con le squadre per la fuga di notizie sui controlli ai corridori: dopo un disastro ne hanno compiuto un altro". Sullo Zoncolan chiosa: “E’ una montagna sacra, il Maracanà del ciclismo".




Guarda anche:
FOTO: i funerali di Weylandt a Gand - Dramma al Giro, morto Weylandt - LA FOTOSEQUENZA DEI SOCCORSI - E la moglie Anne Sophie saluta il suo Wouter - Quel muro maledetto dov'è morto Weylandt - Wouter Weylandt, una vita spezzata al Giro: tutto l'album

Tutti i siti Sky