Caricamento in corso...
15 giugno 2011

Contador: per la Wada possibile intossicazione alimentare

print-icon
alb

Secondo la Wada per Contador si potrebbe essere trattato solo di intossicazione alimentare (Foto Getty)

Il direttore scientifico dell'agenzia mondiale antidoping ammette l'ipotesi difensiva avanzata dal corridore, che potrebbe avvalorare la sua presunta innocenza. Intanto, lo spagnolo si prepara per il Tour de France al via il 2 luglio

FOTO: l'Album delle imprese a due ruote - Per Contador il presente è tutto rosa - E anche Milano si veste di rosa per Contador - Clamoroso al Giro: suona l'inno franchista per Contador

Il direttore scientifico della Wada (l'agenzia mondiale antidoping) Olivier Rabin, ha ammesso che "in alcuni paesi esiste la possibilità che la carne sia contaminata da clenbuterolo". Secondo quanto riportato dal sito del quotidiano spagnolo As, si tratta di un'ipotesi "riconosciuta dalla letteratura  scientifica" che potrebbe avvalorare la presunzione di innocenza di Alberto Contador.

I risultati positivi dei test sostenuti da Contador e da cinque corridori della selezione messicana di calcio hanno spinto la Wada a riconsiderare la sua posizione sulla sostanza incriminata. "Ci sono  pochissimi casi di positività al clenbuterolo tali da poter essere  esaminati uno per uno. Potremmo fare alcune raccomandazioni al comitato esecutivo della Wada per stabilire quali siano i livelli sicuramente positivi e quelli che possono rientrare in un altro contesto, analizzando i risultati precedenti e futuri dell'atleta", ha spiegato Rabin.

La Wada sarebbe propensa ad attendere settembre prima di approvare questi cambiamenti, ma una proposta potrebbe ricevere una prima approvazione la prossima settimana, quando il Gruppo di esperti di laboratorio si riunirà a Montreal.

"Il timore di carne contaminata con sostanze  dopanti non è una novità. Prima era il testosterone, ora il clenbuterolo. In un numero limitato di paesi c'è il rischio che la carne sia contaminata", ha spiegato ancora il direttore scientifico.  "Dobbiamo stare attenti perchè i livelli di sostanza dopante non sono sempre della stessa intensità. Dobbiamo considerare il contesto, stiamo analizzando i dati e potrebbe darsi che daremo alcune linee guida al comitato esecutivo che potrebbe riadattare le norme qualora  necessario o mantenerle identiche".

Nel caso di Contador la quantità di clenbuterolo riscontrata nel campione di urina era trascurabile "ma -ha spiegato Rabin - non si può dire che non si tratti di una positività perchè la quantità è piccola. E' proprio questa la difficoltà della situazione: potrebbe essere doping ma anche un'altra cosa".

Contador è stato assolto dalla federazione spagnola. La Wada e l'Unione Ciclistica Internazionale (Uci) hanno fatto ricorso al Tribunale d'arbitrato sportivo (Tas) che ha fissato le udienze per  l'1, 2 e 3 agosto. Contador, quindi, potrà partecipare al Tour de  France al via il 2 luglio e difendere la maglia gialla conquistata nel 2010.

Tutti i siti Sky