Caricamento in corso...
24 settembre 2011

Bronzini d'oro a Copenhagen: di nuovo campionessa del mondo

print-icon
gio

Doppio oro mondiale per l'Italia al femminile, Giorgia Bronzini ha bissato a Copenhagen il successo del 2010

Nella capitale danese la velocista piacentina ha bissato il successo del 2010 nella rassegna iridata femminile di ciclismo su strada. L’azzurra non ha lasciato scampo, allo sprint, alle grandi favorite della vigilia, l'olandese Vos e la tedesca Teutenberg

FOTO: Mondiali azzurri, da Binda a Bettini. A Copenaghen il 20.o oro?Armstrong: 40 anni Livestrong in 40 scatti - Sfoglia l’album del grande ciclismo

Ci volevano le donne a risollevare il morale dell'Italbici. E ci voleva la straordinaria capacità di “leggere” la volata di Giorgia Bronzini, che bissa l'impresa di Geelong a Copenaghen, complice un finale quasi in fotocopia che ha esaltato le sue doti di “squalo”. L'Italia appare finalmente nel medagliere del Mondiale danese per merito delle ragazze azzurre, un gruppo forte e coeso, che ha nella 28enne piacentina il leader naturale, il bomber che sa sfruttare l'occasione da gol. Il gioco di squadra non ha sbavature e, dopo l'attacco in solitaria della canadese Hughes, lo sprint esalta la dedizione alla causa di Monia Baccaille, che spara a tutta tenendo la Bronzini al riparo prima del gran finale dell'emiliana.

“È andata anche meglio dell'anno scorso”, racconta a caldo la bi-iridata. Ci abbiamo creduto tutti e stavolta Vos e Teutenberg non hanno sbagliato, siamo state superlative noi. È andato tutto come avevamo previsto: abbiamo cercato di sfoltire il gruppo a tre giri dalla fine con l'attacco di Cantele e Baccaille, volevamo arrivare con un gruppo più allungato. Con un treno solo ho chiesto a Monia (Baccaille, ndr) di prendere la volata lunga e così è stato. Tutto è stato perfetto", ha detto.

La fuoriclasse olandese Marianne Vos deve accontentarsi del suo quinto argento consecutivo ("Vinca di meno durante l'anno e si concentri di più sul Mondiale", il consiglio che le dà la Bronzini), completa il podio la tedesca Ina Yoko Teutenberg, bronzo. "Negli ultimi 80 metri ho ripensato ad una stagione avara di risultati e ad una maglia che è pesante ma che doveva restare in Italia”, prosegue la piacentina. “L'Italia ha fatto vedere cosa significhi gruppo e sacrificio per gli altri. Per me la ruota è girata due volte ma tutte sanno che può toccare anche a loro. E spero che le giovani abbiano fatto tesoro dei lati positivi di questa esperienza".

Trionfa la Bronzini ed il ct Dino Salvoldi non nasconde l'emozione per l'ennesimo bersaglio centrato dalle azzurre: "Non ho parole, tutti hanno visto cosa sono riuscite a fare nel finale e come hanno mantenuto la calma per tutta la gara. Ogni anno ci sono dei nuovi inserimenti che trovano sempre un gruppo speciale. Durante la stagione facciamo fatica ad emergere ma poi, ai Mondiali, queste ragazze si trasformano. Ormai sono un incubo per tutte". "Sono grandi emozioni ed è straordinario trovare delle professioniste così affiatate e serie”, sottolinea il presidente della Fci Renato Di Rocco. “Queste ragazze si sentono la maglia azzurra sulla loro pelle, sono splendide ed altruiste, senza alcun egoismo. Gestire le donne è difficile ma abbiamo un grande staff tecnico. Abbiamo un bel gruppo e la nuova generazione dà continuità: è una Nazionale che ci fa essere fiduciosi ed ottimisti in vista delle Olimpiadi di Londra". Domani tocca ai professionisti chiudere la rassegna iridata: gli azzurri di Paolo Bettini dovranno prendere spunto dalle colleghe per riuscire in una missione, sulla carta, quasi impossibile.

Bronzini di nuovo oro, Chi succederà a Hushovd tra gli uomini? Fai il tuo pronostico nel forum

Tutti i siti Sky