Caricamento in corso...
11 ottobre 2011

Doping, Riccò cambia versione: "Feci l'autoemotrasfusione"

print-icon
ric

Riccardo Riccò ha confessato di essersi praticato un'autoemotrasfusione (Getty)

E' quanto ha ammesso il corridore modenese nei giorni scorsi alla procura antidoping del Coni. Il ciclista ha sostenuto di essersi sottoposto a questa pratica soltanto su prescrizione medica modificando quanto dichiarato in precedenza

FOTO: l'Album del grande ciclismo

Il corridore modenese Riccardo Riccò ha ammesso nei giorni scorsi alla procura antidoping del Coni di aver effettuato un'autoemotrasfusione a inizio febbraio prima di essere ricoverato per un malore, ma ha sostenuto di averlo fatto solo su prescrizione medica. Cambia così la versione del ciclista, che inizialmente aveva negato di aver compiuto quella pratica che gli è costata la sospensione dalle gare.

I contenuti delle dichiarazioni del corridore sono stati trasmessi alla procura di Modena, che indaga a sua volta sulla condotta del 28enne formiginese. Entro due giorni Riccò sarà ascoltato dal sostituto procuratore Pasquale Mazzei, che sta chiudendo l'inchiesta.

Guarda anche:
Tutte le tappe del Giro 2011
Vai allo Speciale Giro 2011

Commenta subito nel Forum del Ciclismo

Tutti i siti Sky