Caricamento in corso...
22 novembre 2011

Longo, via libera a Londra 2012 a 53 anni: scagionata

print-icon
lon

Jeannie Longo rischiava una sospensione da tre mesi a due anni, che le sarebbe potuta costare Londra

La campionessa francese discolpata da tutti gli addebiti. Lo scorso settembre era finita nel mirino della Fcc, la Federazione locale, per aver violato in tre circostanze diverse, nell'arco di soli diciotto mesi, le regole sulla reperibilità. LE FOTO

E' stata scagionata da ogni accusa Jeannie Longo, emblema del ciclismo francese, che lo scorso settembre era finita nel mirino della Fcc, la Federazione locale, per aver violato in tre circostanze diverse, nell'arco di soli diciotto mesi, le regole sulla reperibilità, che impongono agli atleti di comunicare dove si trovino, ponendosi quindi nella condizione di essere sottoposti in qualunque momento a controlli anti-doping a sorpresa.

La veterana delle due ruote rischiava una sospensione da tre mesi a due anni, che le sarebbe potuta costare il coronamento di un sogno, e dell'ennesimo record: partecipare all'età di 53 anni ai prossimi Giochi Olimpici Estivi, a Londra 2012. "La signora Jeannie Longo è stata discolpata da tutti gli addebiti", recita invece un comunicato diffuso oggi dalla Federciclismo del suo Paese, "e dunque non sarà perseguita".

In carriera la Longo, che a Londra intende partecipare alla gara in linea, ha collezionato ben tredici titoli iridati tra strada e pista, il primo dei quali nel lontano 1985. Undici anni dopo, ad Atlanta '96, conquistò l'oro olimpico in linea. Il 23 giugno si fregiò del 58mo titolo nazionale, vincendo la prova a cronometro. Secondo quanto riferì all'epoca il quotidiano sportivo L'Equipe, la Longo in due occasioni avrebbe fornito "informazioni imprecise" sul luogo dove si trovava, tanto che il 20 giugno agenti dell'agenzia americana anti-doping si presentarono invano in un hotel, in territorio Usa, dove si supponeva alloggiasse.

Alla ciclista furono quindi inviate tre sollecitazioni a fornire spiegazioni, ma non inviò mai alcuna risposta. Per questo alla Fcc fu trasmessa una notifica di infrazione, e scattò l'indagine disciplinare. Ora archiviata, appunto.

Tutti i siti Sky