Caricamento in corso...
05 aprile 2012

Mondiali su Pista: Bronzini solo quarta, ma piovono record

print-icon
mea

L'australiana Anna Meares (classe '83) "in piega" sulla pista di Melbourne, lanciata verso il record dei 200 metri

Nella seconda giornata della rassegna iridata, niente medaglia per l'azzurra nella corsa a punti. Primati del mondo per la beniamina di casa Anna Meares, nei 200 metri lanciati, e per il team britannico (King, Trott e Rowsell) dell'inseguimento a squadre

Tutto l'Album del grande ciclismo

È fallita la caccia di Giorgia Bronzini alla medaglia mondiale: la piacentina è rimasta fuori dal podio nella corsa a punti, la gara che la vide iridata nel 2009. L'oro è andato alla russa Chulkova davanti a Glaesser (Canada) e Ryan (Irlanda). Intanto per Elia Viviani è iniziata la gara dell'omnium, che si disputa su sei diverse specialità e si concluderà domani. Dopo tre prove, il giovane della Liquigas è quarto a 19 punti, dietro a O'Shea (10), Bell (16) e Clancy (18). Per l'azzurro è il principale obiettivo, dopo la delusione dell'ultimo posto nello scratch di ieri.

Che risultati! - Nella seconda giornata di gare ai mondiali su pista in Australia, sono salite in cattedra le donne. E rispondono a suon di record al primato di ieri della squadra britannica maschile. La pista di Melbourne si conferma velocissima e questa volta ha sorriso ad un'atleta di casa. È stata infatti Anna Meares, quando in Italia era ancora l'alba, a stabilire il nuovo record mondiale dello sprint individuale donne, sulla distanza di 200 metri. Più volte iridata e medaglia d'oro ad Atene 2004, Meares ha fatto segnare un tempo di 10,782 secondi, migliorando il 10,793 stabilito dalla lituana Simona Krupeckaite a Mosca nel 2010. Il primato è arrivato nelle qualifiche dei 200 metri, mentre la finale - che potrebbe vedere una nuova sfida Meares-Krupeckaite - è in programma domani.

La risposta britannica non s'è fatta attendere. Il team inglese dell'inseguimento femminile (Danielle King, Joanna Rowsell e Laura Trott) ha infatti emulato i colleghi maschi con un primato stellare: 3'15"720 sui 3000 metri. Le britanniche hanno abbassato di oltre un secondo il record di 3'16"850 che loro stesse avevano fatto segnare nel corso delle qualifiche. Battute - in finale e in qualifica - proprio le atlete di casa: le australiane avevano fatto registrare per prime il nuovo record di specialità, con 3'17"053, ma se lo sono viste soffiare pochi minuti dopo. E hanno poi ceduto in finale con un più che onorevole 3'16"943.

Tutti i siti Sky