Caricamento in corso...
27 maggio 2012

Il Giro si decide a Milano, cronometro accorciata a 28,2 km

print-icon

A poche ore dal via, tolti quasi tre chilometri al circuito cittadino che concluderà la Corsa Rosa: ragioni di viabilità. Tutto ancora da decidere tra i larghi viali e qualche tratto di pavè del capoluogo milanese. Rodríguez l'ultimo a partire alle 16.40

Tutto in 28,2 km. Non 31, perché - a poche ore dalla partenza - la cronometro milanese che concluderà il 95esimo Giro d'Italia è stata accorciata di oltre due chilometri e mezzo. Ragioni di viabilità, hanno spiegato gli organizzatori. Ma la decisione è clamorosa, con il Giro destinato a giocarsi sul filo dei secondi.

Questa è infatti la classifica generale provvisoria, con quattro corridori che possono ancora sognare la vittoria finale.
1. Joaquim Rodríguez (Katusha) in 91:04:16
2. Ryder Hesjedal (Garmin-Barracuda) a 31"
3. Michele Scarponi (Lampre) a 1'51"
4. Thomas De Gendt (Vacansoleil) a 2'18"
5. Ivan Basso (Liquigas) a 3'18"

Il primo corridore a partire sarà la maglia nera Miguel Ayala Mínguez, spagnolo della Euskaltel Euskadi, che prenderà il via dal Castello Sforzesco alle 13.49.  Da quel momento il via di ciascun corridore verrà dato con una pausa di un minuto, fino al 142esimo, il francese Hubert Dupont. Da lui in poi l'intervallo fra una partenza e l'altra sarà di 2 minuti, fino all'ultimo concorrente, la maglia rosa. Ivan Basso partirà alle 16.32, Thomas De Gendt 2 minuti più tardi, Ryder Hesjedal alle 16.38 e Joaquin Rodriguez alle 16.40 in punto. A Milano sono giunti 157 dei 198 corridori partiti il 5 maggio scorso da Herning, in Danimarca.

Il circuito finale scatterà da piazza del Castello Sforzesco (il via al primo corridore verrà dato intorno alle 13.35) e si concluderà - dopo 30 km esatti - in piazza Duomo (l'arrivo dell'ultimo corridore intorno alle 17.15). Verranno percorsi lunghi viali rettilinei molto larghi e con brevi tratti in pavè. Su alcuni si transiterà in entrambi i sensi di marcia, a volte anche con uno spartitraffico.

I controlli cronometrici sono stati posti al km 10,1, in via Gallarate, e al km 20,3, vale a dire al passaggio in piazza 24 Maggio, prima dell'arrivo in piazza Duomo. Gli ultimi km si snoderanno attraverso i viali del capoluogo meneghino nella prima parte e per vie a carreggiata ridotta nelle ultime centinaia di metri, con diverse svolte consecutive ad angolo retto e brevi intervalli fra i 100 e i 150 metri, prima del suggestivo ingresso in piazza Duomo. Il rettilineo d'arrivo è lungo 150 metri e largo 6.

Milano detiene ogni record di presenze al Giro d'Italia. In 95 edizioni, compresa quella di quest'anno, ha ospitato 40 volte la grande partenza e in 73 circostanze e' stata sede della tappa conclusiva.

Tutti i siti Sky