Caricamento in corso...
18 dicembre 2014

Tirreno-Adriatico 2015, al via un cast stellare di campioni

print-icon
tir

Vincenzo Nibali e Alberto Contador, vincitori negli ultimi tre anni, ma anche Christopher Froome, Alejandro Valverde e Joaquim Rodriguez alla corsa presentata oggi. Giunta alla 50ma edizione, partirà da Camaiore l'11 marzo con la cronosquadre, 7 le tappe

Vincenzo Nibali e Alberto Contador, vincitori negli ultimi tre anni, ma anche Christopher Froome, Alejandro Valverde e Joaquim Rodriguez. Sarà un cast stellare quello della Tirreno-Adriatico 2015, giunta alla cinquantesima edizione. Ad ospitare la "Grande Partenza" saranno Camaiore e il suo Lido, in Versilia, che lanceranno la prossima Corsa dei Due Mari - organizzata da Rcs Sport/La Gazzetta dello Sport e in programma da mercoledì 11 a martedì 17 marzo - con una cronosquadre di 22,7 chilometri.

La seconda frazione, con partenza da Camaiore e arrivo a Cascina (km 153), è essenzialmente piatta e invita le ruote veloci del gruppo. Cascina sarà anche località di partenza della terza tappa che vedrà ripetersi l'arrivo ad Arezzo dopo 203 km, sullo stesso strappo dove lo scorso anno Sagan si impose davanti a colui che di lì a qualche mese (settembre 2014) sarebbe diventato campione del mondo su strada, il polacco Kwiatkowski.

Sabato 14 quarta frazione molto insidiosa nell'entroterra umbro e marchigiano. Si parte da Indicatore (Arezzo) con quattro Gran Premi della Montagna previsti: Foce dello Scopetone,
Poggio San Romualdo, Monte San Vicino e lo strappo finale di Crispiero prima della breve picchiata di Castelraimondo (km 218). Ecco poi la tappa regina, domenica 15, con partenza da Esanatoglia e arrivo ai 1675 m del Monte Terminillo (km 194) con anche due Gran Premi della Montagna nella parte iniziale e centrale (Passo Sallegri e la salita de Le Arette). Penultima frazione, adatta agli sprinter, quella che porterà il gruppo da Rieti a Porto Sant'Elpidio (km 210). Anche la cinquantesima edizione della Corsa dei Due Mari si concluderà a San Benedetto del Tronto. La cronometro individuale finale di 10 chilometri incoronerà il vincitore della Tirreno-Adriatico.

"Quello presentato è il percorso ideale per una corsa importante come la Tirreno-Adriatico - il commento del ct azzurro Davide Cassani -. Mi piace, la Tirreno-Adriatico è oggi una corsa a cui aspirano i migliori corridori e non è più come una volta la corsa di preparazione alla Milano-Sanremo".

"In gara io avrò il ruolo di stare vicino a miei capitani, Contador e Sagan - le parole di Daniele Bennati della Tinkoff-Saxo -. Il percorso è molto avvincente, con l'arrivo in salita al Terminillo è perfetto per Contador. La Tinkoff-Saxo sarà al via con una formazione di altissimo livello, che oltre a Sagan, Contador e me al momento prevede anche Basso, Rogers e Tosatto".

Tutti i siti Sky