Caricamento in corso...
26 aprile 2015

Nibali va a caccia della Liegi, è Valverde l'uomo da battere

print-icon
vin

Vincenzo Nibali in allenamento con l'Astana sul percorso della Liegi (Getty)

L'edizione numero 101 della corsa belga chiude il trittico delle Ardenne e delle classiche del Nord. Lo squalo dello stretto è con lo spagnolo, trionfatore alla Freccia Vallone , uno dei grandi favoriti della vigilia. Occhio anche a Kwiatkowski e Gilbert

La Liegi-Bastogne-Liegi, edizione numero 101, chiude il trittico delle Ardenne (ma anche il programma delle classiche del nord), dopo la disputa dell'Amstel gold race e della Freccia Vallone. La più antica delle classiche, l'ultima prima del 98/o Giro d'Italia, andrà in scena su un percorso lungo 253 km, caratterizzato da varie asperità, le più importanti delle quali sono cinque: la Cote de Wanne, a 84 km dal traguardo: è lunga 2,7 km e prevede una pendenza media del 7,4 per cento; la Cote de Stockeau, -78 km: lunga mille metri e con una pendenza media del 12,5 per cento; la Cote de la Redoute, considerata a ragione la salita più famosa di questa classica: sono 2 i km da percorrere all'8,9% per cento, quando mancheranno 35 km dall'arrivo; la Cote de la Roche-Aux-Fachons: 1,5 km, con una pendenza del 9,4 per cento, ai -21 km; infine, la Cote de Saint-Nicolas: 1,2 km all'8,6% per cento e a soli 5 km dall'arrivo di Liegi. Occhi puntati su Nibali - Fra gli iscritti alla gara belga, che venne organizzata per la prima volta nel 1892 (successo di Leon Houa, che se ne sarebbe aggiudicate altre due), ci sono almeno sei corridori in grado di aggiudicarsela e fra di loro spicca il nome di Vincenzo Nibali, che confida nel maltempo e auspica una gara dura fin dalle prime pedalate, in modo da poter imporre la legge del più forte. All'Amstel lo 'Squalo dello Stretto' ha messo in mostra una buona gamba, segno che la strada intrapresa per avvicinarsi al Tour de France è quella giusta. Non è un mistero che Nibali punti alla 'Doyenne' (la 'Decana'), com'è soprannominata la 'Liegi', anche per riscattare il secondo posto del 2012, ottenuto alle spalle del kazako Maxim Iglinskiy e davanti a Enrico Gasparotto. Valverde uomo da battere - Indubbiamente, per il messinese dell'Astana, l'avversario da battere resta Alejandro Valverde, che va in cerca del tris, dopo i trionfi del 2006 (davanti a Bettini) e del 2008 (precedendo Rebellin): lo spagnolo è reduce dalla vittoria nella Freccia Vallone. Ma attenzione al polacco campione del mondo su strada Michal Kwiatkowski, con il morale alle stelle dopo l'affermazione nell'Amstel gold race. Chance anche per Daniel Martin e Gilbert, ma anche per il sempre agguerrito Rodriguez. Difficile che nella lotta si possa inserire Simon Gerrans, ultimo vincitore, ma lontano dalla forma migliore Il Belgio è la nazione che ha vinto più 'Liegi', con 58 edizioni, davanti proprio all'Italia che è riuscita a piazzare un corridore sul gradino più alto del podio in ben 12 edizioni: Preziosi (1965), Contini (1982), Argentin ('85, '86, '87 e '91), Bartoli ('97 e '98), Bettini (2000 e 2002), Rebellin (2004) e Di Luca (2007).

Tutti i siti Sky