Caricamento in corso...
29 maggio 2015

Capolavoro Aru: stacca tutti a Cervinia, vince ed è secondo

print-icon
aru

Fabio Aru ha vinto la 19esima tappa del Giro (Getty)

Nel penultimo tappone alpino di questa edizione la maglia bianca trova un meraviglioso successo, guadagna su Contador e supera Landa in classifica generale: ora ha 4'37'' di ritardo dalla maglia rosa

Ci si attendeva molto da questa 19esima tappa del Giro, penultimo tappone alpino di questa edizione. E la Gravellona Toce-Cervinia non ha deluso le attese. L’Astana aveva promesso battaglia e così è stato. Con un grande gioca di squadra. Sull’ultima salita, quella dopo 220 km portava il gruppo a Cervinia Landa e soprattutto Aru hanno dato spettacolo. Con la maglia bianca che è andata a cogliere un meraviglioso successo di tappa e Contador all’Indurain a controllare, forte del grande vantaggio in classifica. La tappa è stata caratterizzata da una lunga fuga, più di 200 km, di un mai domo Giovanni Visconti ripreso dal gruppo, tirato dall’Astana con Paolo Tiralongo in testa, a 10 km dal traguardo. Poco dopo ci provano prima Landa e poi Aru, ma Contador non sembra avere grossa difficoltà a rispondere agli attacchi dei due Astana. A 8 km dal traguardo però lo spagnolo non va a chiudere sulla maglia bianca che saluta la compagnia, va a riprendere Hesjedal e poco dopo s’invola da solo verso Cervina. Con un'azione meravigliosa, dopo quasi sei ore e mezza di corsa Aru va a prendersi il successo di tappa e il secondo posto in classifica generale. Il sardo chiude con 28'' di vantaggio su Hesjedal secondo, 1'10'' su Uran terzo e 1'18'' sul gruppo di Contador e Landa. Aru è ora secondo a 4'37'' dalla maglia rosa, con il compagno di squadra terzo a 5'15. Giornata nera invece per Amador, quarto in classifica prima di questa tappa e trionfatore a Cervinia nel 2012. Il costaricense ha perso altri secondi importanti nella lotto per il podio finale: è quarto a 8'10'' da Contador. Domani ultima tappone alpino: si arriva al Sestriere dopo aver scalato il Colle delle Finistre. Il Giro può regalare ancora grandi emozioni.

Tutti i siti Sky