Caricamento in corso...
24 maggio 2017

Giro 2017, Rolland vince la 17^ tappa. Dumoulin resta in rosa

print-icon

Il francese vince la 17^ tappa, da Tirano a Canazei, dopo un allungo decisivo negli ultimi 5 km. Secondo il portoghese Rui Costa, terzo lo spagnolo Izagirre. Dumoulin mantiene la maglia rosa. Domani la 18^ tappa Moena-Ortisei

La vince Rolland, dopo una fuga partita sin dal primo chilometro. La gara del francese è un esempio di pianificazione e sacrificio, premiata dall’ultimo scatto che non ha lasciato scampo ai compagni di fuga. A 5 km dal traguardo, il trentunenne corridore della Cannondale-Drapoac si è alzato sui pedali e ha allungato sul gruppetto, portando il suo vantaggio a 31'' e tagliando per primo il traguardo a Canazei. Per lui si tratta della prima vittoria in una tappa del Giro.

L'andamento della corsa

La diciassettesima tappa, da Tirano a Canazei lunga 219 km, presenta subito la prima fuga. Il plotone dà il benestare ai tre fuggitivi, Rolland, Mohoric e Brutt, senza preoccuparsi troppo del distacco. I corridori infatti vengono ripresi a metà tappa, ma non dal gruppo maglia rosa. Sono i contrattaccanti a rendersi protagonisti della ripresa, e il nuovo gruppetto di testa, che a 22 km dal traguardo mantiene un vantaggio sul plotone di 9’, può contare su un alto numero di fuggitivi. Impossibile pensare ad un arrivo congiunto però. A 5 km dal traguardo ci pensa Rolland a staccare tutti, dopo i numerosi scatti dei singoli tentati a 15 km dall'arrivo, ma subito ripresi dal resto dei fuggitivi. Rolland guadagna subito 17’’ di vantaggio dopo poche pedalate, poi diventati ventiquattro. Il suo obiettivo era quello di vincere la sua prima tappa alla sua seconda partecipazione al Giro d'Italia. E alla fine ci è riuscito, trionfando per distacco. Il merito è tutto della pianificazione perfetta espressa dal corridore francese sin dai primissimi chilometri. 

La maglia rosa

L'olandese Tom Dumoulin ha conservato la maglia rosa indossata il 16 maggio scorso, dopo la cronometro del 'Sagrantino', vinta sulle strade dell'Umbria. Il capitano della Sunweb, nell'attesa della tappa di domani con cinque Gran Premi della Montagna, e dopo i rischi di ieri, si è limitato a controllare la situazione, giungendo sul traguardo con un distacco di 7'53" dal vincitore della tappa.

Dumoulin: "Adesso sto molto meglio. I più pericolosi sono Nibali e Quintana"

Tutti i siti Sky