Caricamento in corso...
13 settembre 2008

Vettel stenta a crederci: sto vivendo un sogno

print-icon
vet

Il ventunenne, alla prima pole in carriera, sprizza felicità e entusiasmo: ''Non osavo nemmeno immaginare un risultato come questo, nel nostro team non ci sono segreti, lavoriamo tutti con pazienza e passione''

COMMENTA IL GP D'ITALIA CON LA SQUADRA DI SKY SPORT SUI NOSTRI FORUM

Le prime parole dopo la pole -
Sebastian Vettel quasi non ci crede. Il tedesco di Heppenheim - 21 anni, alla sua prima pole-position della carriera proprio sulla difficile pista di Monza - quando si presenta alla conferenza stampa post-qualifiche, sprizza felicità ed entusiasmo per il prestigioso obiettivo raggiunto sotto la pioggia battente della Brianza. "E' incredibile, veramente incredibile - ha esordito davanti ai cronisti - : non osavo nemmeno sognare di fare la pole-position. Sono contentissimo sia avvenuto a Monza. Oggi ci sono due team italiani, la Ferrari, che è grande e la Toro Rosso, che è più piccolina: qualcuno ci conoscerà un po' meglio''.

Commentando la sua performance, Vettel - finito davanti al pilota della McLaren Heikki Kovaleinen e a quello dello Red Bull Mark Webber - , ha poi aggiunto che "oggi abbiamo indovinato tutto. Le condizioni erano difficili, c'era tanta acqua, soprattutto alla Ascari, ma abbiamo fatto un buon lavoro e  centrato un buon equilibrio. Questa, direi, è stata la chiave". Già nelle prove libere di ieri, ha concluso Vettel, "avevamo fatto bene. Oggi abbiamo fatto il massimo delle nostre possibilità: scherzavo con i meccanici, 'se oggi piove faccio la pole-position'. E' stata molto molto dura ma abbiamo sfruttato la nostra occasione. Non ci sono segreti, tutti si danno da fare e lavorano con passione: è incredibile".

Tutti i siti Sky