Caricamento in corso...
19 ottobre 2008

''McLaren superiore, ma non è ancora detta l'ultima"

print-icon
mas

Felipe Massa dopo il Gran Premio di Shanghai

GP CINA. Il pilota della Ferrari, Felipe Massa, non nasconde la delusione per il secondo posto sul circuito di Shanghai: "Sapevo che Lewis era più forte". Raikkonen: "Più di così non si poteva fare". Domenicali: "Non è ancora finita"

COMMENTA NEL FORUM CON LA SQUADRA DI SKY SPORT

"Abbiamo preso la decisione di partire con le gomme morbide, le uniche che andavano bene. Non ho avuto una buona partenza, non c'era molto grip. Sapevo che Lewis era più forte, e lo è stato soprattutto all'inizio". E' deluso il pilota brasiliano della Ferrari, Felipe Massa, al termine del Gran Premio di Cina e riconosce la superiorità della McLaren del rivale per il Mondiale Lewis Hamilton. "Abbiamo lavorato diversamente dalla McLaren. Erano più forti - aggiunge Massa nella conferenza stampa al termine della gara - tutto ciò ha reso la gara più facile per Hamilton, noi guidavamo al limite e noi non potevamo  avvicinarlo". Il sorpasso a Raikkonen a otto giri dalla fine della gara? "Ho fatto il miglior tempo e ho superato Kimi. Per il campionato costruttori comunque è andata bene. Per quello piloti no". 

"Oggi la McLaren è stata più veloce, c'è poco da dire". Stefano Domenicali, direttore della Gestione sportiva della Ferrari, ai microfoni di SKY commenta così l'esito del GP della Cina che ha visto Lewis Hamilton vincere la corsa e portarsi, a una gara dal termine, a +7 nei confronti di Felipe Massa giunto secondo davanti a Kimi Raikkonen. "Abbiamo comunque preso dei punti importanti per la classifica costruttori- ha continuato- C'è comunque un'ultima gara, tutto è ancora aperto. Avevamo visto bene dicendo che il campionato si sarebbe deciso all'ultima corsa. Credo nel nostro lavoro".

"Sapevo cosa voleva la squadra. Io non ho nulla da perdere o guadagnare, ho lavorato per il team. Oggi non si poteva fare di più". Il terzo posto nel Gp di Cina non scalda più di tanto Kimi Raikkonen. Il finlandese, secondo per buona parte della gara, a 7 giri dalla conclusione è stato superato dal compagno Felipe Massa, ancora in corsa per il titolo piloti. Il brasiliano ha 7 punti di ritardo rispetto all'inglese Lewis Hamilton, che oggi ha conquistato un successo fondamentale. "Sapevo cosa voleva la squadra", ripete Raikkonen rispondendo alle domande sul 'sorpasso' che ha modificato le posizioni dei due ferraristi nelle fasi finali del Gp. "La nostra macchina è andata bene ma non era abbastanza veloce. Hamilton ha allungato sin dall'inizio, quando ho aumentato il ritmo era già troppo tardi. Il secondo e il terzo posto sono il massimo che potevamo ottenere", dice il campione del mondo uscente.

Tutti i siti Sky