Caricamento in corso...
17 febbraio 2009

Ferrari, guai in vista. In Bahrain s'inceppa il kers

print-icon
fer

La Ferrari F60 di Kimi Raikkonen rientra ai box dopo aver riscontrato dei problemi al kers, il sistema di recupero dell'energia cinetica (www.ferrariworld.com)

Nella giornata odierna di test sul circuito di Sakhir, Raikkonen ha riscontrato dei problemi al sistema di recupero dell'energia cinetica. Immediato il rientro ai box. Fino a quel momento Kimi aveva percorso 40 giri, il più veloce in 1'33''108

GIORGIO PIOLA CI GUIDA ALLA SCOPERTA DEL KERS

INTERVIENI NEL FORUM F1


PROPONI IL TUO CIRCUITO CITTADINO SUL FORUM DI SKY.IT

Ultima giornata di test di Kimi Raikkonen a Sakhir condizionata da alcuni problemi. Poco dopo le 11.30 si è verificato un problema al circuito di raffreddamento del sistema di recupero dell'energia cinetica (KERS) che ha costretto il pilota finlandese a rientrare prematuramente ai box. Lo ha reso noto il sito ufficiale della Ferrari. Fino a quel momento, Kimi Raikkonen aveva percorso 40 giri, il più veloce nel tempo di 1'33"108. La sosta per la necessaria riparazione è durata oltre tre ore: soltanto dopo le 15 - il primo giro è stato effettuato alle 15.20 - Kimi ha potuto fare il suo rientro in pista.

Il contrattempo ha avuto almeno un risvolto positivo, in quanto è servito per sperimentare sul campo la gestione dell'emergenza in caso di guasto del KERS. Durante la pausa invernale è stato fatto a Maranello un lavoro di analisi e di formazione del personale molto approfondito e oggi ne abbiamo visto i frutti. La squadra ha lavorato seguendo tutte le procedure con rigore e precisione ma, soprattutto, in assoluta sicurezza.

Kimi Raikkonen non fa drammi dopo la complicata giornata di test: "Oggi abbiamo avuto un problema con il raffreddamento del Kers ma sono cose che possono accadere nei test e siamo comunque riusciti a fare un buon numero di giri. Fino ad oggi lo sviluppo della vettura è proseguito bene, anche se ci siamo concentrati soprattutto sulla comprensione del suo comportamento e di quello delle gomme", dice Raikkonen. "Tutta la macchina è migliorata in questi test ma è ancora presto per dire dove siamo rispetto agli altri: penso che per avere un'idea chiara in merito dovremo aspettare Melbourne", aggiunge. "Oggi per la prima volta ho potuto avvicinarmi ad una vettura davanti a me ma non abbastanza per capire se la nuova aerodinamica davvero può rendere i sorpassi più agevoli".

Fino al momento del rientro in pista del ferrarista il miglior tempo della giornata apparteneva a Jarno Trulli (Toyota) in 1'32"845, seguito da Nick Heidfeld (BMW) in 1'32"879. Il pilota della Toyota è stato l'unico indenne da guai e ha potuto così accumulare già 111 giri mentre il suo collega tedesco è stato a sua volta costretto ad una lunga sosta a metà mattina e ha percorso 58 tornate.

Tutti i siti Sky