Caricamento in corso...
20 marzo 2009

F1, marcia indietro della Fia: le nuove regole solo dal 2010

print-icon
mos

La Fota non ci sta e blocca la decisione della Fia di cambiare il regolamento. Immediata la marcia indietro della Fia

Dopo la bocciatura della Fota alla decisione di assegnare il titolo iridato a chi vince più Gp, la Fia ha deciso di assecondare il volere dei team: ''Se le squadre non sono d'accordo rimane tutto invariato e se ne riparlerà nel 2010''. GIOCA A FORMULA SKY

SCENDI IN PISTA CON FORMULA SKY, IL NUOVO FANTAGIOCO DI SKY.IT!

COMMENTA NEL FORUM DELLA F1

F1, IL TEAM DI SKY CON ANNE-LAURE IN VIDEOCHAT: GUARDA IL VIDEO 

Dopo la bocciatura della Fota (associazione dei Costruttori) alla modifica al regolamento ratificata del Consiglio Mondiale per assegnare il titolo al pilota che vince più gare, la Fia fa marcia indietro: se le squadre non sono d'accordo con questo sistema, allora resta tutto invariato e se ne riparlera' nel 2010. Lo ha detto la Federazione in una nota: "Il 17 marzo il Consiglio Mondiale aveva respinto all'unanimità la proposta della Fota alla modifica del sistema di punteggio per il campionato Piloti di F1- si legge nel comunicato- La proposta 'chi vince prende tutto' presentata dal titolare dei diritti commerciali (che era stato detto che le squadre erano d'accordo), è stato poi approvato. Se, per qualsiasi motivo, i team di Formula Uno ora non sono d'accordo con il nuovo sistema, la sua attuazione sarà rinviata al 2010".

Il criterio di assegnazione del titolo iridato imposto dalla Fia era stato bocciato dalla Fota in una riunione tenutasi oggi pomeriggio. I Costruttori hanno chiesto collaborazione alla Federazione per cambiare l'attuale sistema di punti (10 al primo, 8 al secondo ecc.) dal 2010. "In seguito alla decisione del Consiglio Mondiale del modo di assegnazione del titolo Piloti, i Team raccolti e all'unanimità hanno deciso di contestare la validità di tale decisione- si legge nella nota dell'associazione dei Costruttori- La Fota aveva fatto una proposta basata sui risultati di un sondaggio pubblico globale, che ha consentito di ascoltare le preferenze del pubblico, e tutte le squadre credono fermamente che queste indicazioni devono essere debitamente prese in considerazione. La modifica al regolamento sportivo proposto dal Consiglio Mondiale non è stata eseguita in conformità con la procedura di cui all'appendice 5 del regolamento sportivo e, in base alle disposizioni dell'articolo 199 del Codice sportivo internazionale della Fia, è troppo tardi per la Fia per imporre un cambiamento per la stagione 2009 che non ha ottenuto l'accordo unanime di tutti i concorrenti correttamente inseriti nel campionato 2009 di Formula 1. Dato che il passaggio al sistema di punteggio concordato all'unanimità dalle squadre e proposto alla Fia non ha ricevuto l'approvazione del Consiglio Mondiale, nessun cambiamento può verificarsi nel 2009, e le squadre vogliono riaffermare la loro volontà di collaborare con la Fia al fine di definire congiuntamente un nuovo sistema di punteggi per la stagione 2010 in una serie completa di misure volte a stimolare ulteriormente l'attrattiva della F1".

L'appendice 5 del regolamento sportivo dell F1, infatti, dice che la Fia non può apportare modifiche ai regolamenti sportivi in questa fase senza l'approvazione unanime delle squadre. I team avevano proposto una nuova attribuzione dei punti: 12 al vincitore, 9 al secondo, 7 al terzo e cosiì via. Il Consiglio Mondiale però martedì aveva respinto questa richiesta ratificando il cambio di regolamento per l'assegnazione del titolo iridato al pilota che vince più gare e non a quello che ha più punti. Il Mondiale di F1 inizierà il 29 marzo in Australia.

Tutti i siti Sky