Caricamento in corso...
27 marzo 2009

Hamilton: McLaren non così male. Ci vuole tempo per crescere

print-icon
ham

Lewis Hamilton vede il bicchiere mezzo pieno dopo il mezzo disastro nelle prove libere del Gp d'Australia

Il campione del mondo in carica non dispera per il risultato deludente nelle prove libere del Gp d'Australia (16° nella prima sessione, 18° nella seconda): ''Il gap che ci separa dagli altri non è poi così ampio''. GIOCA A FORMULA SKY

PROVA IN ANTEPRIMA IL CIRCUITO DI MELBOURNE

COMMENTA NEL FORUM DELLA FORMULA 1


SCENDI IN PISTA, GIOCA A FORMULA SKY

"La mia giornata non è andata così male". Lewis Hamilton prova a vedere il bicchiere mezzo pieno dopo le prime due sessioni di prove libere del Gp d'Australia, gara d'apertura del Mondiale 2009. Il pilota inglese della McLaren-Mercedes, campione del mondo in carica, ha ottenuto solo il 16° tempo nel primo round e il 18° nel secondo. "Abbiamo svolto il programma previsto e abbiamo fatto qualche passo avanti. Non sappiamo cosa stiano facendo gli altri, ma noi siamo soddisfatti della nostra giornata", dice il pilota di Stevenage.

Le 'intercettazioni' delle comunicazioni via radio hanno colto qualche lamentela del campione del mondo. "E' un tracciato molto irregolare, in quel momento eravamo troppo lenti ma sono cose che capitano quando si gira con molta benzina nel serbatoio", dice lui.  "In generale - aggiunge proseguendo l'analisi - c'è una generale mancanza di aderenza. Non si limita ad una particolare sezione delle curve. Non possiamo essere veloci in traiettoria come vorremmo ma stiamo lavorando sodo. Il gap che ci separa dagli altri non è così ampio come era ai test di Barcellona. Ma non c'è una soluzione rapida, serve tempo".

Tutti i siti Sky