Caricamento in corso...
02 giugno 2009

In Turchia ha già vinto 3 volte. E ora Massa sogna il poker

print-icon
mas

Nelle quattro edizioni disputate

Nelle quattro edizioni finora disputate il brasiliano ha ottenuto tre vittorie e tre pole position: ''A Istanbul faremo un ulteriore piccolo passo in avanti in termini di sviluppo aerodinamico, ci proveremo''. GIOCA A FORMULA SKY

MONTECARLO TRA F1 E GLAMOUR: GUARDA LE FOTO

VOTA IL SONDAGGIO NEL FORUM DELLA F1

GIOCA E VINCI CON FORMULA SKY

La Ferrari farà un altro passo avanti in Turchia. Ne è convinto Felipe Massa, che si prepara a scendere in pista nel weekend a Istanbul: "Faremo un ulteriore, piccolo passo avanti in termini di sviluppo aerodinamico, che dovrebbe migliorare ancora di più la vettura e che sarà d'incoraggiamento anche per i ragazzi che lavorano in fabbrica", dice il pilota brasiliano dal sito ufficiale del Cavallino. "Vogliamo continuare a migliorare il più velocemente possibile, per cercare di vincere qualche gara. Sarebbe stupendo se riuscissimo a trovarci nella condizione di lottare per la vittoria in Turchia", aggiunge Massa.

Nessun tracciato porta fortuna a Massa più di quello sul Bosforo: "Detengo un buon record a Istanbul, avendo vinto negli ultimi tre anni, partendo sempre dalla pole position", ricorda il paulista. "E' difficile spiegare perché potrei essere così forte qui, a parte il fatto che abbiamo avuto tre ottimi fine settimana in Turchia dove tutto ha funzionato alla perfezione, con la vettura che si è comportata molto bene fin dalla prima sessione di prove. Sarebbe bello poter continuare nella stessa direzione - dice Massa -. Mi piace il tracciato e mi sento a mio agio qui, ma è difficile definire con precisione perché questa pista si adatta meglio delle altre alle mie caratteristiche". 

"Preferisco i tracciati veloci e mi trovo bene in tutte le curve di questo circuito, perché non è sufficiente essere veloci solo in una particolare parte del tracciato. Penso di aver trovato un modo per adattare perfettamente la vettura a questo circuito", aggiunge evidenziando che il feeling con il tracciato di Istanbul non è esclusivo, visti i successi ottenuti negli ultimi anni anche in Brasile. "La ragione potrebbe essere che sono gli unici due circuiti in senso anti-orario del calendario. Chi lo sa? Forse vado meglio degli altri sulle curve a sinistra", ipotizza.

A Istanbul, tutti i piloti si preparano ad affrontare con attenzione una parte specifica del tracciato. "La curva 8 - dice  Massa - è davvero un punto fantastico, dove si tocca uno dei più alti livelli laterali G della stagione, il che mette a dura prova il collo e il corpo. In più, a metà della curva, si ha una grossa cunetta, che può creare problemi in termini di stabilità''. La curva in questione "è davvero molto particolare, con diverse traiettorie da seguire, a seconda del comportamento della vettura: a volte si ha troppo sotto sterzo, o sopra sterzo a metà della curva e tutti questi fattori la rendono davvero impegnativa".

Nelle precedenti edizioni del Gp, Massa è scattato dalla pole position e non si è dovuto preoccupare dei sorpassi. La situazione, ora, potrebbe cambiare: "Quest'anno, considerando quanto sono competitivi i nostri avversari in qualifica, sarà un sabato pomeriggio davvero interessante, ma perlomeno il tracciato consente delle buone possibilità di sorpasso, specialmente sul lungo rettilineo  principale. Lo scorso anno Lewis Hamilton ha cambiato la sua strategia a tre soste ai box ed era in grado di superarmi senza problemi", dice il ferrarista.

La squadra volerà in Turchia dopo i risultati incoraggianti ottenuti dieci giorni fa a Montecarlo. "E' bello poter dire finalmente qualcosa di positivo per la prima volta in questa stagione. Arrivare terzo e quarto al Gran Premio di Monaco e far segnare il giro più veloce sono due motivi validi per essere positivi", dice Massa. "Certamente alla Ferrari siamo abituati ad accontentarci solo di una vittoria, ma considerando come abbiamo iniziato la stagione, questo risultato è una buona ragione per essere ottimisti per le prossime gare - aggiunge -. La vettura ha fatto decisamente un altro passo avanti fra la Spagna e Monaco, il che significa che era ancora più competitiva sulle strade di Montecarlo".

Tutti i siti Sky