Caricamento in corso...
19 giugno 2009

Fia-Fota, è rottura. Pronto un Mondiale alternativo

print-icon
riu

L'Associazione dei team in una delle riunioni per discutere sul futuro della Formula 1

I team, riuniti a Enstone, quartier generale dellan Renault, hanno adottato la linea dura nonostante il tentativo di Mosley di trovare un compromesso. "Non ci resta che preparare un nuovo campionato". GIOCA A FORMULA SKY

TRA FIA E FOTA E' BATTAGLIA DI COMUNICATI

COMMENTA NEL FORUM DELLA F1

GIOCA E VINCI CON FORMULA SKY

I team "ribelli" di Formula 1 si preparano a lanciare un campionato alternativo. Le 8 squadre che fanno parte dell'associazione delle scuderie (Fota) hanno annunciato la decisione che segna la rottura nelle trattative con la Federazione internazionale (Fia). La Fota contesta il regolamento che il presidente della Fia, Max Mosley, punta a introdurre nel Mondiale  2010. La Fia vuole limitare il budget delle scuderie, che sinora hanno chiesto invano la definizione di una governance più chiara e trasparente per gestire in maniera equilibrata il circus.

"Queste squadre non hanno alternativa rispetto all'inizio della preparazione di un nuovo campionato che rifletta i valori dei suoi  partecipanti e dei suoi partner", si legge nella nota diffusa dall'associazione che comprende Ferrari, McLaren-Mercedes, BMW-Sauber, Toyota, Red Bull, Renault, Brawn GP e Toro Rosso. "Questo campionato avrà una governance trasparente e un unico regolamento. Favorirà l'ingresso di nuovi membri e ascolterà i desideri dei tifosi. Inoltre, offrirà costi più bassi agli spettatori di tutto il mondo, ai partner e agli azionisti. I piloti più importanti, i marchi, i promoter e le compagnie associate tradizionalmente al più alto livello dello sport motoristico saranno tutti impegnati in questo nuovo campionato", prosegue il comunicato, diramato dopo un vertice nel quartier generale della Renault, a Enstone.

I membri della Fota "hanno rifiutato di modificare la loro iscrizione con riserva al Mondiale 2010". Oggi,  secondo le indicazioni della Fia, scadono i termini per la  presentazione delle iscrizioni alla prossima stagione. Le 8 squadre riunite nell'associazione hanno presentato una richiesta condizionata nella vana attesa di un'intesa con Mosley.

"Sin dalla formazione della Fota a settembre dello scorso anno, i team hanno collaborato e cercato di coinvolgere la Fia e il  detentore dei diritti commerciali (Bernie Ecclestone, ndr) per sviluppare e migliorare lo sport. La crisi finanziaria mondiale, un  fenomeno senza precedenti, ha inevitabilmente posto la comunità della Formula 1 davanti a grandi sfide", dicono i team ricostruendo i passaggi della vicenda.

"La Fota è orgogliosa di aver adottato le misure più concrete nella storia del nostro sport per ridurre i costi. In particolare, i  team legati a case costruttrici hanno fornito assistenza alle squadre indipendenti, alcune delle quali oggi non sarebbero in gara senza le iniziative della Fota", prosegue la nota, nella quale si fa riferimento al sostegno garantito in particolare alla Brawn GP.

"Fiducioso? Certo che lo sono". Il presidente della Fia, Max Mosley, non ha perso il sorriso dopo la rottura annunciata questa notte dalla Fota. E al suo arrivo a Silverstone resta ottimista  sul futuro della Formula 1.

Tutti i siti Sky