Caricamento in corso...
28 luglio 2009

Massa ha aperto l'occhio e ci vede bene. A casa in 10 giorni

print-icon
mas

Il momento drammatico dell'impatto della molla sul caso di Felipe Massa

Buone notizie dall'ospedale di Budapest: "Felipe è sveglio e risponde alle domande in tre lingue diverse, lascerà la clinica sulle sue gambe se continua a recuperare con questa velocità". GUARDA LA GALLERY

COMMENTA NEL FORUM DELLA F1

MASSA, IL VIDEO DELLO SCHIANTO


MASSA, LA FOTOSEQUENZA DELLO SCHIANTO

MASSA, IL FOTORACCONTO DELLA CARRIERA

"Felipe Massa ha aperto l'occhio sinistro, non ha nessun problema. La vista è buona, oggi arrivano buone notizie". Dino Altman, medico personale di Felipe Massa, risponde così alle domande dei cronisti all'esterno dell'ospedale AEK di Budapest, dove il pilota brasiliano della Ferrari è ricoverato da sabato. Il paulista è stato operato alla testa 3 giorni fa dopo lo spaventoso incidente avvenuto nelle qualifiche del Gp d'Ungheria. "Felipe migliora costantemente, è sempre più sveglio. Risponde correttamente alle domande in 3 lingue diverse", aggiunge il medico.

Insomma, al primo ma importantissimo esame sulle condizioni dell'occhio e della vista, il responso è stato molto buono.  "Non ci sono - ha detto Altman - danni apparenti. L'occhio è morfologicamente sano". E' chiaro che occorreranno esami approfonditi per escludere che ci siano lesioni ai nervi dell'occhio, come ieri aveva ipotizzato il neurochirurgo ungherese Robert Veres a causa della forte botta riportata dall'orbita sinistra, con la lesione ossea che è stata ridotta chirurgicamente per evitare che una scheggia del cranio potesse creare danni al cervello. Danni che sono stati esclusi anche dall'ultima Tac eseguita ieri pomeriggio.

"Possiamo anticipare che Felipe Massa lascerà la clinica sulle sue gambe e se continua a recuperare con questa velocità potrebbe farlo tra 10 giorni". Anche Peter Baszo, neurologo dell'ospedale AEK di Budapest, alla tv ungherese fornisce informazioni confortanti su Felipe Massa. Bazso, lo stesso responsabile che con le sue dichiarazioni contradditorie e non chiarissime aveva provocato più di una perplessità nelle prime ore del ricovero di Massa, ha confermato che il pilota "è sempre più sveglio, parla con gli amici e i familiari e quanto prima potrà cominciare la riabilitazione". "Vorrei sottolineare - ha poi anche aggiunto il medico - che anche se il paziente è in netto miglioramento, la vicenda non si chiude qui, è ancora in una condizione di pericolo vita: ovviamente, il rischio diminuisce di giorno in giorno". Secondo Bazso, infine, è troppo presto per prevedere se Massa abbia subito o no danni.

Il dottor Robert Veres, responsabile del reparto di Neurochirurgia dell'ospedale AEK, dal canto suo non si sbilancia sulle possibilità di un ritorno di Massa al volante. "La sua vita non è più in pericolo, ma non è possibile con certezza quanto le lesioni all'occhio possano condizionare la sua carriera", dice al quotidiano Nepszabadsag.

Tutti i siti Sky