Caricamento in corso...
04 ottobre 2009

Domenicali: ora difendiamo il 3° posto. Massa, sì ai test

print-icon
bam

Un giovanissimo fan giapponese del Cavallino

Con il 4° posto di Raikkonen e il 12° di Fisichella in Giappone, la Ferrari vede ridotto il suo vantaggio sulla McLaren a soli 2 punti. Intanto la Fia ha autorizzato Felipe ad effettuare dei test straordinari. GUARDA LA FOTOGALLERY

La Ferrari va a punti al Gp del Giappone grazie al quarto posto di Kimi Raikkonen e mantiene la terza posizione nel mondiale costruttori, mentre Giancarlo Fisichella si piazza dodicesimo mostrando soprattutto segnali di  miglioramento alla guida della sua F60. "E' una giornata decisamente positiva perché la squadra ha lavorato molto, ma molto bene", ha commentato in conferenza stampa a fine gara Stefano Domenicali, direttore della gestione  sportiva di Maranello. E, di fronte al terzo posto di Lewis Hamilton, che ha portato la McLaren a 65 punti accorciando a 2 lo svantaggio con la Rossa in classifica costruttori, Domenicali ha messo in chiaro che "ci difenderemo fino in fondo, può succedere di tutto".

La Ferrari cerca di chiudere nel miglior modo un "campionato difficile da capire", ha detto il direttore sportivo, dove, alle difficoltà per mettere a punto una vettura competitiva, se ne sono aggiunte altre, compresa quella sul grave incidente di Felipe Massa nelle qualifiche del Gran Premio d'Ungheria. Il brasiliano, però, prosegue spedito la fase di recupero e domani  pomeriggio sarà a Maranello per la riabilitazione con le prove fisiche, il lavoro al simulatore e forse anche la prova della vettura del 2007 con gomme usate in Gp2. E l'autorizzazione della Fia a questi test è arrivata proprio oggi. Insomma, oltre a guardare al 2010 con l'arrivo annunciato alla vigilia del gara di Suzuka di Fernando Alonso e il ritorno di Massa, il Cavallino  Rampante pensa anche all'ultimo scorcio della stagione.

"Non potevo attaccare al via - ha osservato Raikkonen imerito alla sua prova - perché avevo gomme troppo dure. Alla ripartenza, dopo l'ingresso della safety-car, a nove giri dalla fine, il distacco era troppo grande. Però è un ottimo risultato in relazione alla situazione della attuale". Sul suo futuro ha ribadito che la scelta "non è a breve, l'obiettivo è trovare una squadra competitiva".

Il problema in questa fase "è riuscire a partire più in avanti rispetto ai livelli attuali - ha affermato da parte sua Fisichella - perché per gran parte della gara ho avuto tempi in linea con quelli Kimi e i primi in classifica, ma se parti troppo dietro tutto ciò serve poco". In ogni caso, ha aggiunto, "ho avuto un buon feeling con l'auto, ma sto migliorando e, a dispetto della posizione finale, la squadra lo sa benissimo. Ora guardo con maggiore fiducia alla gara di Interlagos (il Gp del Brasile tra due settimane) e sarà importante riuscire a partire un po' più avanti per poi finire la gara in zona punti".

GIOCA A FORMULA SKY

COMMENTA NEL FORUM DELLA F1


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Tutti i siti Sky