Caricamento in corso...
29 ottobre 2009

Trulli-Sutil, che scintille. Ad Abu Dhabi volano paroloni

print-icon
tru

Jarno Trulli e Adrian Sutil, lite in conferenza stampa. E Raikkonen e Alonso se la ridono... (foto Ap)

Dopo la lite di Interlagos sfociata per un contatto che li ha eliminati entrambi, l'italiano e il tedesco si sono scatenati anche durante l'odierna conferenza stampa. Presenti anche Alonso e Raikkonen che hanno assistito divertiti al battibecco tra i due

Ancora scintille tra Jarno Trulli e Adrian Sutil. La sala stampa del circuito di Abu Dhabi, che domenica ospiterà l'ultimo Gp del Mondiale 2009 di Formula 1, si è trasformata in un ring verbale. Il pilota abruzzese della Toyota e il driver tedesco della Force India hanno dato vita ad un battibecco, secondo episodio dopo la lite avvenuta 10 giorni fa in Brasile. I due piloti, nella gara di Interlagos, sono finiti fuori nel primo giro dopo un contatto. Trulli ha accusato Sutil definendolo un "idiota". "Non so se sei cieco", ha detto oggi l'italiano rivolgendosi al collega. Sutil, che in Brasile ha risposto piccato, ad Abu Dhabi ha replicato: "Io non so quanto tempo ti serva per imparare le regole". Al duello, andato in scena davanti ai cronisti, hanno assistito il finlandese Kimi Raikkonen e lo spagnolo Fernando Alonso: l'attuale pilota della Ferrari e il suo successore non hanno potuto nascondere divertiti sorrisi.

A innescare la nuova polemica è stata la domanda di un giornalista inglese. "Penso che domani discuteremo l'incidente nel briefing dei piloti in programma domani. Avevo tutte le ragioni per essere furioso", esordisce Trulli. "Penso che non ci sia nulla da discutere, è stato un incidente chiaro. Io, tra i due, ero quello che stava semplicemente guidando: non è stato un mio problema, non so di cosa stia parlando", fa eco Sutil. I toni, a questo punto, si alzano: "Se vuoi, ti faccio vedere qualche immagine. Non so se sei cieco - attacca Trulli - ma le immagini mostrano che la mia ala anteriore è accanto alla tua ala posteriore, quindi...". "Sì -interviene il tedesco- ma tu stavi provando a superarmi sul cordolo... Avevi perso potenza, lo stesso era accaduto a Barcellona e anche lì hai colpito una Force India: dovresti considerare i limiti della monoposto. Se non si può passare, devi  mollare. Non so quanto tempo ti occorra per impararlo".

La stoccata provoca la reazione dell'abruzzese, che ricorda l'incidente avvenuto a maggio a Montmelò. Anche in Catalogna la carambola ha coinvolto la Toyota del pescarese e la Force India con targa tedesca: "A Barcellona mi sono girato e sono stato colpito da una macchina che è salita sul cordolo e non ha rallentato...". "Forse i tuoi occhi hanno un problema - ribadisce Sutil -. I cordoli? Non è un problema andare sui cordoli". "Ok - incalza Trulli - allora non c'è problema, fino a quando le regole sono note". "Io conosco le regole", è la chiusura del tedesco. "Fantastico", è l'ultima battuta dell'italiano. Già da un po', intanto, Alonso ha posto una domanda a Raikkonen: "Che facciamo, ce ne andiamo?...".

GIOCA A FORMULA SKY

COMMENTA NEL FORUM DELLA F1


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Tutti i siti Sky