Caricamento in corso...
01 aprile 2010

Alonso: sono ancora tutti in gioco. Massa: Sepang mi piace

print-icon
alo

Alonso e Massa sono a caccia di un'altra doppietta sul circuito malese di Sepang (foto Ap)

Lo spagnolo della Ferrari è il leader della classifica iridata, ma la lotta è ancora lunga: ''Le McLaren, le Red Bull e le Mercedes se la giocheranno fino in fondo''. Il brasiliano: ''Abbiamo puntato sull'essere più affidabili piuttosto che i più veloci''

COMMENTA NEL FORUM DI FORMULA 1

Quando questo pomeriggio Fernando Alonso ha incontrato i media sul circuito di Sepang, la sessione di domande si è aperta con uno sguardo sulla spettacolare prestazione che gli ha permesso di conquistare il quarto posto a Melbourne: "E' stato un grande show per tutti, una bella gara da guardare e piacevole anche dall'interno dell'abitacolo", ha commentato il pilota della scuderia Ferrari Marlboro. "La vettura era abbastanza veloce per permettermi di sorpassare, dopo essere retrocesso in fondo al gruppo, e alla fine il quarto posto è stato una buona ricompensa per la squadra e sono estremamente felice di questo. Forse con il testacoda alla prima curva ho perso la l'opportunità di vincere, ma sono cose che succedono. E' stato molto positivo per la nostra situazione in campionato".

Il due volte campione del mondo comanda la classifica, ma è consapevole della forte opposizione che deve affrontare. "Le McLaren, le Red Bull e le Mercedes sono le nostre principali avversarie e solo più avanti nel corso dell'anno vedremo chi degli otto piloti sarà in lizza per il campionato. Dopo solo due gare, tutti sono ancora contendenti e in piena lotta, anche se la Red Bull è probabilmente la più veloce e ha due piloti da tenere sott'occhio in questo momento, nonostante non abbia ancora realizzato un fine settimana perfetto. Quando ci riusciranno, potrebbero concludere la gara in prima e seconda posizione, quindi non dobbiamo rilassarci e dobbiamo continuare a lavorare per migliorare la vettura, soprattutto perché mi aspetto che McLaren e Mercedes ritorneranno presto a dire la loro nella lotta".

Nonostante la gara di Melbourne sia stata molto emozionante, c'è tra i giornalisti chi è ancora dell'idea che la Formula 1 abbia bisogno di più sorpassi. Alonso non è ne così sicuro. "Come ho detto dopo il Bahrain, la Formula 1 potrebbe non essere il migliore sport se parliamo di sorpassi, ma ci sono anche altre cose, come la tecnologia, la precisione nella guida, l'avere tutto sotto controllo in pista, nel garage, in fabbrica, dove la costruzione delle vetture viene realizzata con margini inferiori al millimetro. Questa formula vede in pista vetture le cui massime prestazioni sono superiori a ogni categoria dell'automobilismo sportivo, con i migliori piloti che mettono in scena un grande spettacolo. Certo - conclude - quando piove le gare possono essere più divertenti. Gli argomenti sono gli stessi da tanti anni e ci sono stati molti campionati fantastici, per esempio quello dello scorso anno dove sono sicuro abbiamo assistito a così tanti sorpassi, quindi credo che la situazionale attuale non sia conseguenza delle nuove regole che vietano il rifornimento".

"Sepang è un circuito che mi  piace, spero di poter battere le Red Bull e le altre monoposto". Felipe Massa pochi giorni dopo il podio conquistato in Australia è pronto ad un'altra battaglia. La F1 si è già trasferita in Malesia e domenica si corre a Sepang. "Sarà dura perché come ho detto questo è un circuito impegnativo, difficile dal punto di vista fisico -dice  Massa-. Mi piace, però, perché presenta curve ad alta velocità e veloci cambi di direzione e può essere duro per gli pneumatici, il che significa che dobbiamo avere un buon set-up per preservarli".

Il pilota della Ferrari si è poi espresso in una valutazione delle prime due corse iniziali della stagione. "Non abbiamo avuto la  macchina più veloce nelle prime due gare, ma tutto il team ha fatto un buon lavoro - spiega il brasiliano-. Nella prima gara siamo stati sufficientemente veloci per qualificarci davanti, mentre nella seconda le nostre macchine si sono piazzate terza e quinta sulla griglia, ma  non eravamo i più veloci sul ritmo di gara complessivo".

L'affidabilità è sembrata essere l'arma in più della scuderia di Maranello, anche perché i ritmi sostenuti dalle Red Bull appaiono ancora lontani. "Abbiamo puntato sull'essere più affidabili piuttosto che i più veloci e, in una stagione di 19 gare, dove è importante  ovviamente essere anche veloci, hai anche necessità di essere  costante e affidabile - sottolinea Massa-. Questo significa che adesso dobbiamo lavorare per migliorare le prestazioni della F10 e abbiamo alcune idee su come procedere, per esempio migliorando il livello di downforce, area in cui stiamo lavorando molto duramente".

Guarda anche:
Schumacher: ''Tanti progressi anche se poco visibili''
Melbourne, Vettel senza freni: ''Mi sono rotto le scatole''
Schumi si diverte. Ma a gioire è Button: trionfo inaspettato

Tutti i siti Sky