Caricamento in corso...
30 maggio 2010

Vettel taglia corto: lo scontro con Webber? Nessuna rivalità

print-icon
red

Sebastian Vettel si è toccato con il compagno di squadra durante il Gp di Turchia. Il tedesco si è ritirato, Webber ha perso la testa della corsa ed è arrivato terzo al traguardo

Il tedesco cerca di minimizzare l'incidente che è costato alla Red Bull la vittoria del Gran Premio di Turchia: "Non sono felice ma sono cose che in gara possono succedere. Rivalità interna? Sarebbe stupido pensare a queste cose...". LA FOTOGALLERY

COMMENTA NEL FORUM DI FORMULA 1

Nessuna rivalità tra Webber e Vettel, ma solo un incidente di gara. Sebastian Vettel cerca di minimizzare l'incidente che è costato alla Red Bull la vittoria del Gran Premio della Turchia. "Non sono felice - è il suo commento a caldo - ma sono cose che in gara possono succedere". Il giovane pilota tedesco prova a ricostruire la dinamica dello scontro: "Ero all'interno, mi stavo concentrando sui punti di frenata e mi sono allargato. Poi ci siamo toccati e sono uscito". Nulla di più: "Rivalità interna? Sarebbe stupido pensare a queste cose", è la versione di Vettel, che taglia corto: "Abbiamo una macchina veloce - dice - siamo una buona squadra...".

"Eravamo uno accanto all'altro, poi Sebastian si è spostato improvvisamente a destra e ci siamo toccati". Mark Webber racconta così l'incidente che, al 40°  giro del Gp di Turchia, ha mandato in fumo i progetti di doppietta della Red Bull. L'australiano, fino a quel momento leader della corsa, è entrato in collisione con il compagno Sebastian Vettel, costretto al ritiro. Webber, invece, è riuscito ad arrivare terzo alle spalle delle due McLaren-Mercedes di Lewis Hamilton e Jenson Button. "Sebastian aveva un buon vantaggio in termini di velocità'',  dice Webber. "Tutto è successo rapidamente, è stato un peccato per la squadra. Oltretutto, è successo in una giornata non ideale visto che le McLaren erano estremamente competitive. Nessuno di noi voleva creare un contatto, ma sono situazioni che possono verificarsi", aggiunge. L'australiano rimane leader del Mondiale. "La gara era ancora lunga, quindi la mia vittoria non era scontata. Ho comunque raccolto punti".

Tutti i siti Sky