Caricamento in corso...
20 ottobre 2010

F1,ecco Yeongam: la nuova pista scivolosa come un'anguilla

print-icon
cir

Un tratto del nuovo circuito di Yeongam, in Corea del Sud

"Ci sarà poca aderenza. Ci saranno diversi testa-coda. E alcuni piloti sbaglieranno l'assetto". Il primo Gp della Corea del Sud, in programma domenica sul nuovo tracciato, sarà una sorta di trappola. Parola di progettista. GUARDA LE FOTO DELLA PISTA

Commenta nel forum di Formula 1

Le classifiche mondiali dopo il Gp del Giappone

"Ci sarà poca aderenza. Ci saranno diversi testa-coda. E alcuni piloti sbaglieranno l'assetto".  Il primo Gp della Corea del Sud, in programma domenica sul nuovo tracciato di Yeongam, sarà una sorta di trappola. Lo dice a chiare lettere Hermann Tilke, progettista della pista e padre dei circuiti  di nuova generazione. L'impianto aprirà i battenti dopo settimane di  lavori a ritmo serrato. L'autodromo è pronto, anche se alcuni  dettagli del progetto devono ancora essere sistemati. "Il nucleo  principale funzionerà, anche se qua e là ci saranno cose che potrebbero non andare", dice Tilke al magazine Autosport.

Nessun pilota conosce la pista che presenterà difficoltà supplementari legate all'asfalto nuovissimo. "La superficie sarà molto scivolosa venerdì. Probabilmente vedrete diversi testa-coda e  non sarà facile scegliere l'assetto ideale per sabato e domenica, perché il tracciato cambierà molto. Qualcuno sceglierà le soluzioni sbagliate", dice prospettando una sorta di rebus.

"La carenza di grip -prosegue- non dovrebbe essere un problema perché qui abbiamo i migliori piloti del mondo. Inoltre, tutti  dovranno fare i conti con le stesse condizioni". Si profila un weekend molto spettacolare? "Sì, soprattutto all'inizio. Dopo qualche prova, la pista migliorerà molto perché si gommerà e questo favorirà l'aumento dell'aderenza. Ma appena si lascia la traiettoria ideale, diventerà molto scivoloso. Si tratta di una grossa sfida per  i piloti".

"Alcune parti della pista -spiega illustrando il  progetto, che potrebbe subire modifiche in futuro- sembrano quelle di un tracciato cittadino, anche se al momento non c'è intorno la città. Lo  spazio è stretto e tutto è vicino al circuito. In altre parti  permanenti, con curvoni veloci, sarà interessante guidare. Il primo  settore favorisce i sorpassi e lo spettacolo, soprattutto con la frenata alla fine del lungo rettilineo". Impossibile prevedere quali  saranno le trasformazioni nei prossimi mesi. "Non so quali saranno gli investimenti. Questa è un'opera privata, non so quale sarà il processo".

Il varo dell'impianto, del resto, è stato più problematico del previsto. I ritardi nei lavori, provocati anche dalle caratteristiche del sito, hanno fatto scattare un allarme che è rientrato solo nelle ultime settimane. "Prima di costruire, c'è voluto molto tempo per drenare l'acqua dal terreno. Poi, la stagione dei monsoni è stata più lunga del previsto. Non sono sempre stato sicuro che ce l'avremmo fatta, ma alla fine tutti hanno fatto un gran lavoro".

Tutti i siti Sky