Caricamento in corso...
13 gennaio 2011

Ecclestone: no al Gp Roma. Alemanno: ma non è bocciatura

print-icon
gp_

Il possibile tracciato del Gp di Roma, così com'era stato immaginato

In una lettera al sindaco della Capitale il boss del circus ribadisce che nessuno in F1 vuole due Gran Premi in un solo Paese. L'Italia ha già il Gp di Monza, gara che considerano storica e intoccabile. Flammini: allora alterniamoci a Monza. I VIDEO

I 19 podi del Mondiale 2010: le foto

Tutti gli articoli sul Gp di Roma

"Come è evidente dall'ultima lettera inviata da Bernie Ecclestone, non c'è da parte sua alcuna bocciatura per Roma, ma la decisione di concedere all'Italia un solo Gran Premio, a Monza o a Roma, o a entrambe le città, ma a stagioni alterne". E' quanto dichiara il sindaco di Roma a proposito della lettera del patron della Formula Uno Bernie Ecclestone.

"Questa decisione è un fatto nuovo che subentra dopo che per molto tempo il presidente della Formula One Management aveva ribadito, anche con me personalmente, la volontà di far disputare in Italia due Gp, uno nazionale a Monza, e uno speciale a Roma - aggiunge Alemanno -. I nuovi accordi, che devono portare al rinnovo della concessione di Ecclestone con i circuiti di F1, hanno indotto i team a chiedere un contingentamento delle gare da svolgere a livello nazionale e internazionale. Di fronte a questa svolta è evidente che è necessaria una riflessione sul progetto del Gp a Roma".

"La prossima settimana presenteremo i risultati di un sondaggio, condotto da Mannheimer e commissionato da Eur spa su richiesta dei comitati dei cittadini dell'Eur, in merito al gradimento dell'iniziativa", conclude il sindaco.

L'antefatto targato Bernie - Bernie Ecclestone, boss della  Formula Uno, ha dunque scritto al sindaco di Roma, Gianni Alemanno, una lettera, di cui dà notizia La Repubblica, nella quale ribadisce che nessuno in F1 vuole due Gran Premi in un solo Paese. Il numero uno del circus scrive che l'Italia ha già il Gp di Monza, gara che a tutti i livelli, considerano storica e intoccabile. Alla base della bocciatura dell'iniziativa ci sarebbero comunque le condizioni economiche generali della Formula 1, per le quali i team sono costretti a stringere la cinghia. In un ecosistema complessivamente florido ma  dagli equilibri finanziari molto delicati. Un motore che si inceppa regolarmente ogni qual volta il circus fa tappa nelle sedi dei  nuovi gran premi, soprattutto quelli organizzati nelle grandi città, che vanno malissimo con i conti in rosso. Per questo le  intenzioni della Fom, la società che gestisce le gare, sarebbero quelle di puntare sui circuiti tradizionali.

Flammini: alterniamoci a Monza -
Il gruppo Flammini non rinuncia però al suo progetto di un Gp di Formula a Roma, perché prima di farlo verificherà se è possibile l'alternanza con Monza. E' quando fa sapere Maurizio Flammini, a capo del progetto di un Gran Premio nella Capitale. "Ecclestone propone di alternare la gara di Roma con quella di Monza - dice Flammini, in una nota -. Il sindaco nelle scorse settimane ha dichiarato che non avrebbe in nessun caso creato problemi al Gran Premio di Monza, che ha una posizione storica nel mondiale Formula 1, e pertanto FGGroup si rivolgerà all'Automobile Club di Milano e alla Sias, per capire se ci possano essere degli spazi di collaborazione nello spirito che da decenni anima i rapporti tra il nostro Gruppo e l'Autodromo di Monza".



Guarda anche:
La Ferrari 2011 si presenta a Maranello il 28 gennaio

Commenta nel Forum della F1

Tutti i siti Sky