Caricamento in corso...
22 aprile 2011

Alonso, primo non mollare: "Ma c'è molto da lavorare"

print-icon
fer

Fernando Alonso e la Ferrari, sinora, stanno deludendo (Getty)

Il pilota spagnolo definisce "non sufficiente" quanto mostrato dalla Ferrari sinora. Ma invita a non perdere la speranza: "La storia degli ultimi mondiali ci ha insegnato che tutto può cambiare. Noi lo sappiamo bene". L'8 maggio si riparte dalla Turchia

Facce da F1, in Cina smorfie e autografi prima del Gp
Le foto: l'Album della stagione 2011
Tutto il calendario della nuova stagione

"Ci voleva proprio un periodo di sosta dopo un inizio di stagione così intenso. Non tornavo a casa da un mese, visto che fra Australia e Malesia ero rimasto da quella parte del mondo, ed è bello avere un po' di tempo libero per stare con la famiglia e gli amici più cari. In realtà c'è sempre qualcosa da fare perché bisogna tenersi in forma: dopo questa pausa un po' più lunga del solito ci aspetta un maggio intensissimo, con tre Gran Premi - Turchia, Spagna e Monaco - concentrati in quattro settimane".

Fernando Alonso racconta così sul sito della Ferrari dopo i primi Gran Premi di Formula 1. "Non è stato certamente l'inizio di campionato che speravamo, noi e tutti i nostri tifosi. I cinquanta punti in due non sono molti e siamo consapevoli che il livello della nostra prestazione non è sufficiente in questo momento ma sappiamo bene che le cose possono cambiare in fretta. La Formula 1 è sempre stata così: una gara fai fatica ad arrivare nei primi cinque, un'altra lotti per la vittoria. Quest'anno non fa eccezione: dopo l'ultimo test di Barcellona tutti davano la McLaren per spacciata e poi sono stati sempre lì sul podio, fino a vincere in Cina. Allo stesso tempo, c'era chi dava Vettel come imbattibile e poi a Shanghai è andata com'è andata. Tre gare sono ancora troppo poche per dare dei giudizi definitivi. Con questo non voglio dire che sto sottovalutando la nostra situazione, tutt'altro. Dobbiamo lavorare tanto per migliorare, sotto ogni profilo".

"Il successo si raggiunge quando tutte le componenti rendono al meglio: macchina, strategia, pit-stop, piloti, nessuno escluso. Sono rimasto in contatto con i tecnici in questi giorni e so che non c'è pausa a Maranello nel lavoro di sviluppo della vettura. Dobbiamo recuperare e non possiamo permetterci di perdere troppo tempo, anche perché non è che gli altri rimarranno con le mani in mano in queste settimane. Ho fiducia nella squadra: so di che pasta è fatta e sento la voglia di reazione che ha tutta la gente di Maranello. Negli anni passati ho sperimentato prima da avversario e poi da ferrarista la capacita' di rimontare della Scuderia. Mi ricordo bene di quando ero alla Renault nel 2006 nella prima parte della stagione avevo preso un grande vantaggio ma poi la Ferrari seppe sviluppare la macchina così bene da permettere una grande rimonta a Schumacher, che mi superò a due gare dalla fine. E poi c'è l'esempio dello scorso anno: in Turchia prima e in Inghilterra poi ci dicevano che dovevamo pensare all'anno successivo ma noi non abbiamo mollato e siamo arrivati a giocarci il titolo fino all'ultimo giro dell'ultima gara. Suona come uno slogan ma è la pura verità: mai mollare in Formula 1" afferma il campione di Oviedo.

Commenta nel forum di Formula 1

Tutti i siti Sky