Caricamento in corso...
09 settembre 2011

Il solito Vettel: sue le libere di Monza. Massa quarto

print-icon
seb

Sebastian Vettel ha fatto segnare il miglior tempo nella seconda sessione di prove libere di Monza (Getty)

Il pilota della Red Bull ha preceduto di un soffio la McLaren di Hamilton. Sorprendente terzo tempo per Michael Schumacher. Le Ferrari migliorano: Alonso, quinto, alle spalle del brasiliano. Lo spagnolo non è contento: "Gli altri sono più veloci, è dura"

FOTO: Essere Schumi, la storia della F1: 20 anni di trionfi, dalla Benetton alla Rossa - L'album della stagione 2011

I VIDEO: Tutti i segreti della F1 nelle clip di Motorsport

È la Red Bull del leader del mondiale, Sebastian Vettel, a dominare la seconda sessione di prove libere in vista del Gran Premio d'Italia. Sul circuito di Monza, il pilota tedesco ha fermato il cronometro sull'1'24"010 precedendo d'un soffio la McLaren di Lewis Hamilton che aveva fatto segnare il miglior tempo in mattinata (1'24"046) e un sorprendente Michael Schumacher su Mercedes, terzo (1'24"347).

Migliora rispetto a questa mattina la Ferrari, quarta con Felipe Massa (1'24"366) davanti al compagno di scuderia Fernando Alonso (1'24"433). Solo sesta la Red Bull di Mark Webber che in 1'24"468 ha preceduto l'altra McLaren di Jenson Button (1'24"508). Diciottesimo tempo per la Lotus di Jarno Trulli (in 1'28"559), mentre l'altro italiano Vitantonio Liuzzi non è andato oltre la ventunesima prestazione (1'29"162).

Alonso scettico - Per niente entusiasta Fernando Alonso, al termine della sessione di libere: "La macchina è identica a quella di Spa, dove eravamo un secondo dietro i concorrenti - spiega lo spagnolo della Ferrari, quarto in Belgio -. Anche adesso siamo in ritardo. Non possiamo sperare in una magia improvvisa, e nemmeno pensare che tutto sarà facile perché si corre a Monza. E questo vale anche per l'anno prossimo: stiamo già lavorando duro e le aspettative sono altissime, ma nulla è scontato". Senza sorrisi e con una fascia al ginocchio sinistro, infiammato da qualche giorno, dopo "un venerdì intenso" Alonso ammette: "Sicuramente ci manca un po' di performance rispetto ai nostri avversari, loro vanno più veloce, noi dobbiamo trovare qualcosa per domani".

Qualcuno azzarda il paragone: questa gara vale come una finale di Champions League? "No, ma è un Gp molto importante perché i tifosi italiani si aspettano molto - replica lo spagnolo, che a Monza a vinto un anno fa -. Meglio una vittoria qui che nelle ultime gare. Preferisco prendermi dei rischi e arrivare quarto o quinto piuttosto che accontentarmi del secondo posto".

"Siamo migliorati molto dal mattino al pomeriggio, ma spero di fare altri passi avanti domani: sabato e domenica sono le giornate che contano", aggiunge Felipe Massa, che sente il supporto della "torcida" e con i tecnici cerca "il compromesso fra velocità e stabilità. È vero - riconosce il brasiliano - la Red Bull non è andata tanto veloce, ma è andata veloce, più di noi".

Come finirà il Gp d'Italia? Dì la tua nel Forum della Formula 1

Tutti i siti Sky