Caricamento in corso...
05 ottobre 2011

Gp India, i contadini minacciano blocchi e proteste

print-icon
gp_

Una immagine della inaugurazione del circuito indiano, denominato "Buddha circuit", lo scorso agosto (Getty)

Nel week end il Circus della Formula 1 sarà di scena a Suzuka, intanto infuriano le polemiche per l'appuntamento del 30 ottobre a New Delhi: gli agricoltori chiedono risarcimenti per i terreni confiscati a causa della costruzione del circuito

Il calendario della stagione

FOTO: L'album della stagione 2011

I VIDEO : Tutti i segreti della F1 nelle clip di Motorsport

Un gruppo di contadini indiani ha minacciato manifestazioni di protesta per bloccare l'accesso al nuovo circuito di Formula Uno di Greater Noida, alla periferia di New Delhi, dove il 30 ottobre è previsto il primo Gran Premio dell'India. Lo riferiscono i media indiani. Gli agricoltori chiedono risarcimenti adeguati per i terreni che sono stati confiscati per costruire il complesso sportivo da 350 milioni di dollari battezzato Buddh International Circuit. "Intendiamo organizzare sit in e marce di protesta a partire dal 23 ottobre per far sentire la nostra voce" ha detto a una televisione privata Virender Dhada, uno dei leader del movimento agricolo. "Non siamo contro la gara, ma vogliamo solo che siano rispettati i nostri diritti" ha aggiunto. Il costruttore dell'autodromo, il gruppo edile JP Sport ha respinto le minacce dei contadini assicurando che sarà predisposto un adeguato apparato di sicurezza per bloccare l'agitazione.

Cosa ne pensi della protesta indiana contro il Circus? Discutine nel forum della F1

Tutti i siti Sky