Caricamento in corso...
25 marzo 2012

F1, Sepang: Alonso fa il miracolo. Vittoria in Malaysia

print-icon
alo

Fernando Alonso trionfa in Malaysia sul circuito di Sepang (getty)

Strepitosa prestazione dell'asturiano nella seconda prova del Mondiale. Gara sospesa dopo 8 giri per la copiosa pioggia, ripartenza con Safety Car e conclusione con un successo inaspettato della Ferrari su Perez (Sauber) e Hamilton (McLaren). LE FOTO

SCHEDE: tutti i piloti della stagione - tutti i circuiti km per km - I RISULTATI

I VIDEO : Tutti i segreti della F1 nelle clip di Motorsport

L'incognita della pioggia, poi arrivata, la srategia della Ferrari, la sorpresa Perez. E' successo di tutto nell'entusiasmante Gp di Malaysia dove Fernando Alonso ha riportato i tifosi della Rossa all'antico entusiasmo sfoggiando una prestazione da grande delle quattro ruote, sfrecciando sull'acqua che copiosa è caduta sul tracciato di Sepang, difendendo il risultato quando con l'asciutto e poca benzina la sua monoposto è diventata vulnerabile e soggetta all'attacco di Perez.

Una gara cominciata e già sospesa dopo soli 8 giri con la Safety Car in pista dopo sei tornate a guidare il gruppo, poi la girandola di pit-stop, la ripartenza e la Ferrari dell'asturiano inaspettatamente in testa grazie all'intuizione sulle intermedie montate prima di tutti. Alla terza sosta nuova imbeccata del muretto e gomme lisce montate prima di Perez che è valso un nuovo sorpasso al messicano. Poi, come detto, tutte le difficoltà della macchina si sono palesate negli ultimi 15 giri di gara con il pilota della Sauber in pressione costante.

A cinque tornate dalla fine, tuttavia, Perez ha ceduto alla pressione finendo dritto in una curva ma senza danneggiare la vettura. Ciò gli ha consentito di tornare nuovamente all'attacco ma senza riuscire a impensierire Alonso che ha concluso ottenendo il primo, insperato, successo stagionale per la Rossa. Terzo posto per Lewis Hamilton (McLaren), quarto Mark Webber (Red Bull) quinto Kimi Raikkonen (Lotus).

Ordine d'arrivo:
1. Fernando Alonso (Spa) Ferrari 2h44'51"812 (media 112,969 km/h);
2. Sergio Perez (Mex) Sauber + 2"263;
3. Lewis Hamilton (Ing) McLaren Mercedes + 14"591;
4. Mark Webber (Aus) Red Bull + 17"688;
5. Kimi Raikkonen (Fin) Lotus + 29"456;
6. Bruno Senna (Bra) Williams + 37"667;
7. Paul Di Resta (Sco) Force India + 44"412;
8. Jean-Eric Vergne (Fra) Toro Rosso + 46"985;
9. Nico Hulkenberg (Ger) Force India + 47"892;
10. Michael Schumacher (Ger) Mercedes + 49"996;
11. Sebastian Vettel (Ger) Red Bull + 1'15"527;
12. Daniel Ricciardo (Aus) Toro Rosso + 1'16"828;
13. Nico Rosberg (Ger) Mercedes + 1'18"593;
14. Jenson Button (Ing) McLaren Mercedes + 1'19"719;
15. Felipe Massa (Bra) Ferrari + 1'37"319;
16. Vitaly Petrov (Rus) Caterham + 1 giro;
17. Timo Glock (Ger) Marussia + 1 giro;
18. Heikki Kovalainen (Fin) Caterham + 1 giro;
19. Pastor Maldonado (Ven) Williams + 2 giri;
20. Charles Pic (Fra) Marussia + 2 giri;
21. Narain Karthikeyan (Ind) HRT + 2 giri;
22. Pedro De la Rosa (Spa) HRT + 2 giri.

Ritiri: Romain Grosjean (Fra) Lotus (4° giro); Kamui Kobayashi (Jap) Sauber (47° giro). Giro record: Kimi Raikkonen (Lotus) 1'40"722.

Tutti i siti Sky