Caricamento in corso...
12 settembre 2012

Alonso e il Mondiale: "Devo attaccare, occhio a Hamilton"

print-icon
alo

Sarà sfida a due per il mondiale? (Foto Ansa)

A sette Gp dal termine il ferrarista ha 37 punti di vantaggio sull'inglese della McLaren: "È l'unico che può vincere anche quando la sua macchina non è la migliore. Io spingerò come se non fossi primo"

"Restano questi sette gran premi e sono da disputare come se fossi dietro e non in testa perché ci sono 175 punti in palio e 37 punti di vantaggio non sono niente, possono volare via in una gara, dobbiamo correre come se dovessimo recuperare punti, non difenderli". È un Fernando Alonso determinato quello che si appresta ad affrontare l'intenso finale di stagione che lo vede in testa al Mondiale piloti.

A Madrid per un evento pubblicitario, lo spagnolo intende affrontare le prossime gare "all'attacco. Bisogna cercare di vincere i prossimi tre Gp a partire da Singapore e provare a esprimermi alla perfezione da qui alla fine del campionato". Al momento Alonso vanta 37 punti su Lewis Hamilton, 38 su Kimi Raikkonen e 39 su Sebastian Vettel. "Chi è il principale avversario? Tra Hamilton e Vettel...scelgo Raikkonen", scherza Alonso, che poi seriamente ammette come il pilota anglo- caraibico della McLaren "sia l'unico che può vincere pur non avendo la macchina migliore e lo ha dimostrato perché gli altri vincono quando hanno una buona vettura, quando non ce l'hanno non vincono. Ma gli avversari da qui alla fine della stagione possono cambiare, perché dietro sono tutti appaiati anche se rispetto all'anno scorso sono più tranquillo".

E se sul possibile arrivo di Sergio Perez come compagno di squadra nel 2013 non si sbilancia ("mi trovo stupendamente con lui come con tutti gli altri"), sugli 80 podi che gli hanno permesso di eguagliare Ayrton Senna ammette: "continuo a essere sorpreso da questo risultato, sono veramente orgoglioso, me ne renderò conto meglio quando mi ritirerò". Il ferrarista si guarda anche indietro e confessa che lasciare la McLaren nel 2008 "è stata la decisione migliore della mia vita".

"La McLaren è una scuderia forte ma negli ultimi dieci anni hanno vinto pochi Mondiali", sottolinea ancora Alonso, che racconta anche la sua passione per le bici. "Quando ho mezz'ora libera a casa e non so cosa fare, salgo in bicicletta, è la mia opzione numero uno, tutti gli altri sport sono al secondo posto - confessa - Con quale vip trascorrerei un po' di tempo? Con Charlize Theron, mi piacciono i suoi film...", commenta sorridendo l'asturiano, che sente di non avere più segreti per il pubblico. "Sono sui giornali da 10 anni, concedo 400 interviste all'anno e anche quando non parlo finisco sempre sulle prime pagine, di fatto non credo di avere più segreti, mi restano solo l'ideologia o i miei pensieri più intimi che però vanno cambiando col tempo. A parte questo, di tutto il resto si sa tutto".

Tutti i siti Sky