Caricamento in corso...
04 novembre 2012

Alonso: "Ci crediamo". Vettel: "Potevo perdere tutto"

print-icon
alo

Fernando Alonso crede ancora nella possibilità di vincere il titolo (Getty)

Il pilota della Ferrari ha rosicchiato tre punti al leader del Mondiale Sebastian Vettel e venderà cara la pelle fino all'ultima gara: "Il secondo posto è stato il massimo che potevo fare, continuiamo a crederci". Raikkonen: "Non rido ma sono felice"

"Il secondo posto è il massimo risultato che potevo ottenere". Fernando Alonso vede il bicchiere decisamente pieno dopo il secondo posto ottenuto nel Gp di Abu Dhabi. Il pilota spagnolo della Ferrari, al traguardo alle spalle della Lotus del finlandese Kimi Raikkonen, ha guadagnato 3 punti sul tedesco Sebastian Vettel nella corsa al titolo. Il pilota della Red Bull, terzo dopo una strepitosa rimonta, conserva 10 lunghezze di vantaggio a 2 gare dalla fine dell'anno. "Sono molto felice, non eravamo super-competitivi all'inizio del weekend. La strategia mi ha consentito di lottare per la vittoria fino alla fine, il secondo posto è il massimo risultato che potevo ottenere partendo dalla terza fila, continuiamo a combattere", dice l'iberico durante la cerimonia di premiazione.

"Speravo nel podio ad essere onesti, sono partito male ma stare dietro è difficile, ho danneggiato l'ala e poi ho fatto un nuovo errore dietro". Il leader del Mondiale della Red Bull, Sebastian Vettel, è entusiasta al termine del Gp di Abu Dhabi per aver scritto una storica rimonta dall'ultimo al terzo posto e per aver limitato i danni perdendo solo tre punti in classifica dal ferrarista Alonso. "E' chiaro che la safety-car mi ha aiutato, soprattutto la seconda. Sono riuscito alla fine a superare Button che è stato molto corretto". La lotta per il titolo? "Ci sono ancora due corse davanti a noi, le cose possono sempre cambiare, potevo perdere tutto ma invece ho perso pochissimi punti e sono orgoglioso di quello che ho fatto".

Kimi Raikkonen vince la gara ma esce matematicamente fuori dalla corsa al mondiale, a cui lui stesso credeva ben poco. "Devo dire che mi dicevamo che non sorridevo a sufficienza in passato, adesso forse faccio lo stesso errore - afferma - ma sono felice per me e il team. Spero che questo risultato dia motivazioni a tutti, speriamo di poter vincere altre gare in futuro, soprattutto il prossimo anno".

Tutti i siti Sky