Caricamento in corso...
04 maggio 2013

Caterham, testa bassa e lavorare. Ci pensa Kovalainen

print-icon
spo

Heikki Kovalainen: la Caterham lo ha richiamato per affidargli lo sviuluppo della CT03 (Foto Getty)

La CT03 non riesce ad esprimere il proprio potenziale. Per svilupparla, il team ha richiamato un pilota d'esperienza come il finlandese Heikki. A Barcellona la macchina dovrebbe essere più veloce di mezzo secondo

Sembra difficile schiodare la Caterham dall'ultima posizione in classifica. Nelle prime quattro gare del Mondiale 2013, il team ha dovuto fare i conti con prestazioni altalenanti e inesperienza dei propri piloti. Una situazione talmente complicata da portare la dirigenza a richiamare in squadra Heikki Kovalainen, gentilmente accantonato qualche mese prima per fare spazio a Charles Pic - proveniente dalla Marussia - e al rookie Giedo Van der Garde.

Kovalainen è sceso in pista con la CT03 in Bahrain con il compito di capire le potenzialità della macchina e guidare gli ingegneri verso la luce alla fine del tunnel. Un contributo prezioso che, unitamente agli aggiornamenti aerodinamici, ha dato i primi frutti: in gara la CT03 ha battuto la Marussia e accorciato il gap dalla Toro Rosso.

Il direttore tecnico Mark Smith si aspetta un altro ragionevole passo in avanti con il pacchetto evolutivo previsto per il prossimo appuntamento, il Gran Premio di Spagna. Tra le modifiche, saranno confermate i piccoli aggiustamenti già visti in Bahrain sull'ala anteriore, mentre la novità visibile un po' a tutti potrebbe essere l'adozione del vanity panel, provato qualche giorno fa a Magny Cours da Kovalainen, nel corso di un filming day autorizzato dalla FIA. Secondo i dati delle simulazioni, a Barcellona la CT03 aggiornata dovrebbe essere più veloce di mezzo secondo.

A parte conquistare il decimo posto in classifica costruttori, per quest'anno non ci sono vere grandi aspirazioni. La strategia è ormai piuttosto chiara: fare il minimo indispensabile per il 2013 e, nel frattempo, lavorare all'innovativo progetto 2014 che potrebbe - invece - rimescolare un po' le carte in tavola.

Tutti i siti Sky