Caricamento in corso...
25 luglio 2013

Alonso, ora o mai più: "Dobbiamo avvicinare Vettel"

print-icon

IL GP D'UNGHERIA LIVE SU SKY . Il pilota della Ferrari prova a essere ottimista in vista della gara dell'Hungaroring: "Sarebbe una gran cosa andare al riposo riducendo il gap da chi ci è davanti". Poi la stoccata: "Chiunque può vincere con la Red Bull"

"Se riuscissimo a colmare il gap da Vettel prima della sosta, sarebbe una buona cosa. Ma se dovesse aumentare, allora sarebbe per noi una pausa difficile e meno motivante. E' quindi un weekend importante. E' facile vincere guidando la Red Bull". Lo ha affermato Fernando Alonso, alla vigilia delle prove libere del Gp d'Ungheria. 10 anni fa, proprio in Ungheria, lo spagnolo ha ottenuto il suo primo successo nel mondiale: "Un buon risultato in questo fine settimana sarebbe molto positivo per la motivazione della squadra e per le nostre speranze" - ha proseguito Alonso.

Il caldo è sempre uno degli argomenti all'ordine del giorno a Budapest, con previsioni che indicano temperature che toccheranno quota 37 gradi la domenica di gara. Ma il pilota spagnolo è sembrato tranquillo al riguardo. "Non cambia niente in termini di preparazione, qualunque sia la temperatura domenica. Faremo la nostra normale preparazione", ha detto Fernando Alonso nel corso dell'incontro con i media nel giovedì del GP d'Ungheria. "Dobbiamo solo essere leggermente più aperti in termini di strategia, nel caso fosse necessario fare uno stop in più a causa degli pneumatici. Ma non lo sapremo fin quando non inizieremo le prove libere di domani".

Dopo l'incidente in corsia box verificatosi nel Gran Premio di Germania, la velocità in pit-lane è stata ridotta, è stato limitato l'accesso ai giornalisti, e sono in discussione proposte per ridurre la velocità con cui i pit-stop stessi vengono completati, Alonso si  è detto d'accordo con le decisioni: "Quando accade qualcosa in termini di sicurezza, dobbiamo sempre reagire e siamo tutti d'accordo nel migliorarla - ha osservato il due volte campione del mondo. "Tuttavia trovare il giusto modo non è facile. Credo comunque che ridurre la velocità in pit-lane non sia male, dato che è così per tutti i team e ci sono meno rischi per i meccanici. Ridurre il numero di giornalisti in corsia box durante le prove libere può essere un'altra soluzione, perché talvolta ce ne se troppi nella prima e seconda sessione del venerdì. Nei pit-stop proviamo tutti a cercare il limite: in termini di tempi di reazione del pilota, delle pistole utilizzate dai meccanici e nella procedura stessa. Quindi se si trova una soluzione per aumentare il tempo di fermata ai box per migliorare la sicurezza, ed è così per tutte le squadre, non credo che qualcuno non sarà d'accordo" ha concluso il ferrarista.

Tutti i siti Sky