Caricamento in corso...
16 agosto 2013

Da Alonso a Webber, imprese & orrori di metà stagione

print-icon
web

Il grave errore dei meccanici della Red Bull durante il pit stop di Mark Webber al Nurburgring (Getty)

Lo spagnolo della Ferrari protagonista del sorpasso più spettacolare fin qui visto, ma anche lo pneumatico impazzito della Red Bull dell'australiano al Nurburgring : ecco alcuni momenti indelebili della prima parte del Mondiale. LE FOTO

In attesa della ripresa del Mondiale il prossimo 25 agosto con il Gp del Belgio, abbiamo scelto le tre imprese e i tre errori più clamorosi di questa prima parte di Campionato (clicca qui per le FOTO).

LE IMPRESE

Fernando Alonso (Gp Canada) – Scattato sesto dalla griglia di partenza, lo spagnolo è stato protagonista di un fantastico duello con Lewis Hamilton, culminato con un sorpasso millimetrico che ha regalato all'asturiano della Ferrari un secondo posto che, parole sue, "vale una vittoria". Il tutto sul 'Gilles Villeneuve' di Montreal, un circuito mitico per chiunque guidi una Rossa.

Nico Rosberg (Gp Monaco) –
Un fine settimana eccezionale per il pilota della Mercedes, tedesco di nascita ma monegasco d'adozione. Sulle strade di casa infatti, Rosberg centra un'eccezionale doppietta, pole position e vittoria, bissando il successo ottenuto 30 anni prima dal padre Keke.

Sebastian Vettel (Gp Germania) –
Vincere la gara di casa stava diventando un'ossessione per Seb. Nonostante i tre titoli iridati infatti, il pilota della Red Bull soffriva tremendamente il fatto di non aver ancora regalato una gioia ai suoi connazionali. Detto fatto, Vettel riesce a portare a casa un successo sofferto, complicato da safety car e incidenti, il primo davanti al suo pubblico.

ERRORI & ORRORI

Lewis Hamilton (Gp Malesia) – E' il settimo giro del secondo appuntamento del Mondiale. Dal muretto la Mercedes richiama ai box Lewis Hamilton per il cambio gomme. Il britannico rientra, ma sbaglia box, entrando in quello della McLaren, scuderia abbandonata qualche mese prima dopo sei stagioni. Grosse risate, anche se a Hamilton quell'errore costerà secondi preziosi (terminerà terzo, a 4'' da Webber e a 12'' da Vettel).

Pirelli (Gp Gran Bretagna) – Il 30 giugno è una data da cancellare sul calendario del fornitore unico di pneumatici in Formula 1. A Silverstone infatti ben tre vetture sono state coinvolte in pericolose forature (Hamilton, Massa e Vergne), mettendo a repentaglio la sicurezza dei piloti e la gara a rischio sospensione. In particolare, al britannico la foratura è costata la possibile vittoria.

Mark Webber (Gp Germania) – Poteva essere una tragedia. Lo pneumatico che si è staccato dalla Red Bull dell'australiano durante il nono giro della gara del Nurburgring e che ha ferito un cameraman era un proiettile impazzito. Tanto che la Fia è corsa subito ai ripari, adottando misure più strette in termini di sicurezza già dal successivo Gp.

Tutti i siti Sky