Caricamento in corso...
11 ottobre 2013

Choc per la morte di Maria De Villota. "Cause naturali"

print-icon

La stampa spagnola anticipa i risultati dell'autopsia effettuata sul corpo della pilota trovata priva di vita in un albergo di Siviglia. Il 3 luglio 2012 era stata protagonista di un incidente in cui perse un occhio. Alonso: "Prego per lei e la famiglia"

La prima giornata di prove libere al GP del Giappone è stata scossa dalla notizia della morte di Maria De Villota. Pilota e collaudatrice spagnola, nata a Madrid il 13 gennaio del 1980 e figlia dell'ex pilota di F1 Emilio de Villota, è stata trovata priva di vita nella stanza di un albergo a Siviglia. Il mondo del MotorSport era molto legato a questa driver, che il 3 luglio 2012 era stata protagonista di un incidente a Duxford, durante un test con la Marussia. Rischiò la vita e perse un occhio, ma successivamente trovò la forza per riprendersi e riavvicinarsi al mondo dei motori. Era diventata ambasciatrice per la sicurezza stradale.

Cause naturali - Ad anticipare i risultati dell'autopsia è il quotidiano spagnolo As, che rivela che Maria è morta per "cause assolutamente naturali, come hanno fatto sapere fonti investigative". L'esame è stato effettuato presso l'istituto di medicina legale di Siviglia.

Le prime informazioni - La 33enne pilota madrilena si trovava nella città andalusa per una conferenza in cui avrebbe dovuto raccontare la sua esperienza ma attorno alle 7 del mattino sarebbero stati chiamati i soccorsi: inutili i tentativi di rianimarla. Nessuna droga è stata trovata nella stanza né segni di violenza sul corpo. Forse un malore la causa del decesso. La sua famiglia ha diramato una nota che recita: "Cari amici, Maria se n'è andata. Doveva andare in cielo come tutti gli angeli. Ringraziamo Dio per l'anno e mezzo che l'ha lasciata ancora con noi".

Quel maledetto luglio 2012 - Il giorno dell'incidente, nel corso di un test aerodinamico, aveva urtato durante una manovra un camion che le aveva sfondato il casco. In seguito aveva subito due operazioni e si era ripresa dopo una lunga riabilitazione. Negli ultimi tempi, però, soffriva di  fortissimi mal di testa.

Lo sgomento di Alonso
- "Prego per lei e la sua famiglia". Così Fernando Alonso, impegnato nelle prove libere del Gp del Giappone, alla notizia della morte di Maria de Villota. Alonso ha fatto avere le sue condoglianze alla famiglia della test driver.
"Era molto amata in tutto il mondo, non so che dire...", le parole finali di Alonso.

Tutti i siti Sky