Caricamento in corso...
19 novembre 2013

Massa e la Rossa all'ultimo atto: è l'ora dei saluti

print-icon
fer

Massa e la Ferrari: a Interlagos i saluti finali, dopo 8 anni insieme (Foto Getty)

Dopo 8 anni il matrimonio tra il brasiliano e la scuderia di Maranello è giunto al capolinea: alla vigilia dell'ultimo Gran Premio della stagione, in programma sul circuito di Interlagos, sul web arrivano le parole dei protagonisti

Al volante della Rossa dal 2006, per Felipe Massa è arrivato il momento di lasciare la scuderia di Maranello. Il giorno dell'addio è già passato: il 10 settembre 2013, dopo il Gran Premio d'Italia, il brasiliano ha annunciato il divorzio dalla Ferrari, mentre l'11 novembre la palla è passata alla Williams, con l'ufficialità dell'arrivo di Massa al posto di Pastor Maldonado. Per chiudere definitivamente il cerchio torna a parlare la Ferrari, che attraverso il sito saluta il pilota di San Paolo, alla vigilia dell'ultima tappa sul circuito di Interlagos.

"Il Gran Premio del Brasile per un pilota avrà un significato davvero speciale. Sarà l'ultimo che Felipe Massa disputerà al volante di una monoposto del Cavallino Rampante. Giunge alla conclusione una parte importante della carriera del pilota paulista, che per numero di gare disputate con una Ferrari, è secondo solo a Michael Schumacher", le parole via web della Ferrari.

Massa: orgoglioso della carriera in rosso -
"Il successo che ho conquistato qui nel 2006", sottolinea il brasiliano, "alla prima partecipazione come pilota Ferrari, è stato il più incredibile della mia carriera. Avevo una tuta da gara realizzata per l'occasione, disegnata mettendo in risalto i colori verde e oro, quelli della nostra bandiera nazionale. Quando mi sono ritrovato in piedi sul gradino più alto del podio è stato più di quanto avessi mai aspettato dalla mia vita".

"Mi piacerebbe essere ricordato come una persona che ha dato qualcosa di importante alla Ferrari", aggiunge Massa, "Sono orgoglioso di essere parte della storia della Ferrari. E’' sempre stato il mio sogno poter un giorno essere un pilota della Scuderia e l'ho fatto per più di dieci anni, otto dei quali nelle vesti di pilota titolare. In realtà il primo contratto risale a qualche anno prima, quando ero solo un ragazzino", aggiunge il brasiliano.

Tutti i siti Sky