Caricamento in corso...
28 dicembre 2013

Quanti sorrisi! Quelli che...il 2013 è un anno fantastico

print-icon
1__

I piloti contenti per come sono andate le cose nel 2013

Nel gruppo dei contenti dell'anno passato non può mancare Sebastian Vettel, campione per la quarta volta di fila. Con lui anche Rosberg e la coppia della Lotus: Raikkonen e Grosjean. Ma non solo

di Gianluca Maggiacomo

Un anno da ricordare. Un 2013 da mettere in bacheca. È stato così per il campione del mondo Sebastian Vettel. Ma non solo. Chi per un motivo, chi per un altro, non sono pochi i piloti che guarderanno ai dodici mesi che stanno per finire con nostalgia e soddisfazione.

Seb: sempre al top – Il più forte è ancora lui: quest’anno come negli anni passati. Poker iridato e collezione di record. Per Vettel è stato un 2013 perfetto, in cui ha stravinto e stracciato sul nascere ogni possibile accenno di concorrenza. A questo, va aggiunta la notizia che presto diventerà padre. Meglio di così…

Raikkonen, sul trampolino per la Rossa – Il 2013 del finlandese era cominciato benissimo: vittoria in Australia e secondi posti in Cina, Bahrein e Spagna. Poi si è inceppato qualcosa, soprattutto nel rapporto con il team, la Lotus. Poco male. L’anno è comunque positivo. Tanto da essersi meritato la richiamata della Ferrari.

Rosberg: finalmente – Il 2013 è stato l’anno della sua miglior stagione in Formula 1. Il tedesco ha portato a casa ben 78 punti in più rispetto al 2012. Un rendimento di tutto rispetto. Che ha consentito alla Mercedes di centrare il secondo posto tra i costruttori alle spalle dell’irraggiungibile Red Bull.

Grosjean: il nuovo che avanza – Il francese sembra esser diventato grande. Il 2013 è lì a dimostrarlo, con quattro podi negli ultimi sei gp e gare condotte con una maturità finora a lui sconosciuta. L’obiettivo del 2014 sarà trovare continuità lungo tutto l’arco della stagione.

L’incredibile Hulk…enberg – Il tedesco ex Sauber ha disputato un 2013 in cui ha fatto vedere doti da buon pilota. A furia di sorpassi e piedi pigiati sull’acceleratore ha dimostrato di poter aspirare a palcoscenici prestigiosi. Unico neo: non ha mai centrato un podio. Nel 2014 proverà a far volare la Force India

Ricciardo e il salto alla casa madre – Nessun podio, solo 20 punti in stagione. Malgrado ciò, l’australiano di origini italiane ricorderà il 2013 come l'anno del salto dalla Torro Rosso alla sorella maggiore Red Bull, dove affiancherà Sebastian Vettel.

Tutti i siti Sky