Caricamento in corso...
04 gennaio 2014

Schumi, il casco consegnato alla polizia dalla famiglia

print-icon

Un comunicato della portavoce dell'ex pilota: "I parenti hanno volontariamente consegnato il casco con telecamera agli investigatori". Condizioni critiche ma stabili. E spunta un nuovo video sull'incidente

"Michael Schumacher è ancora in condizioni critiche ma stabili". Lo ha reso noto la portavoce della famiglia, Sabine Kehm. Il pluricampione del mondo è ricoverato in coma nell'ospedale di Grenoble per una caduta sugli sci a Meribel. In un comunicato, Kehm ha anche fatto sapere che la telecamera di cui era equipaggiato il casco di Schumi al momento dell'incidente è stata consegnata "volontariamente" dalla famiglia agli investigatori francesi.

"E' falso cha la famiglia non volesse consegnare la telecamera". E' un ulteriore precisazione contenuta nel comunicato, in risposta ad alcuni media francesi i quali avevano sostenuto che la famiglia aveva esitato molto a mettere l'apparecchio nelle mani degli investigatori ritenendo che eventuali immagini contenute fossero comunque coperte dalla privacy. Per ora, comunque, non è ancora noto se al momento dell'incidente la videocamera fosse in funzione nè se le eventuali riprese siano utilizzabili per ricostruire i fatti. Il forte impatto - il casco si è spezzato in due - potrebbe infatti aver danneggiato in maniera irrimediabile i file.

Nessuna conferenza prima di lunedì - Prima di lunedì non ci saranno conferenze stampa sullo stato di salute di Schumacher, ha annunciato la Kehm, spiegando che questa decisione è stata presa "in accordo con i medici" che hanno in cura l'ex pilota. "Insistiamo sul fatto che sono da considerarsi pure speculazioni, quindi nulle, tutte le notizie sulle condizioni di Schumacher che non siano diffuse dalla direzione ospedaliera o dai medici".

Spunta un nuovo video - Spunta un altro filmato del terribile incidente sciistico capitato a Michael Schumacher. La ripresa è amatoriale ed è stata fatta da un testimone oculare. Secondo quanto pubblicato dall'edizione online del quotidiano francese 'Le Journal du dimanche', un 35enne steward di una compagnia originario di Essen in Germania stava sciando sulle nevi di Meribel domenica scorsa e si è fermato per riprendere una sua amica con uno smartphone, mentre sullo sfondo si intravede un uomo cadere fuori della pista. Il tempo e il luogo - aggiunge il giornale francese - lascia poco spazio ai dubbi: era Michael Schumacher. "E' arrivato lentamente - assicura il testimone - sciava alla velocità di 20 chilometri all'ora, non di più", ha insistito in una dichiarazione rilasciata alla rivista tedesca Der Spiegel che sarà pubblicata lunedì. Il testimone si è messo a disposizione della Procura di Albertville per fornire la sua testimonianza e le immagini di cui dispone.

Tutti i siti Sky