Caricamento in corso...
06 gennaio 2014

Schumi, segnali di speranza: stabile ma non fuori pericolo

print-icon

Ottavo giorno di ricovero in coma farmacologico per l'ex pilota della Ferrari, dopo l'incidente a Meribel. Il nuovo bollettino non scioglie la prognosi. Indagini: mercoledì parlerà il Procuratore

Ottavo giorno di ricovero in coma farmacologico per Michael Schumacher. L'ex pilota della Ferrari è in condizioni stabili ma sempre critiche dopo l'incidente sciistico a Meribel. Dopo tre giorni di silenzio, è arrivato il nuovo bollettino medico: "Le condizioni restano stabili ma non può considerarsi fuori pericolo".

Il comunicato - L'ex pilota Michael Schumacher continua in stato critico ed in coma indotto, ha reso noto oggi la Clinica Universitaria di Grenoble. Il comunicato spiega che lo stato di Schumacher è "stabile" e che il sette volte campione del mondo di Formula 1 è controllato "permanentemente". "I medici responsabili vogliono sottolineare che non smetteranno di definire la situazione di Michael come critica", aggiunge la nota. "L'intimità del paziente - aggiunge il comunicato - esige che non vengano forniti dettagli sul suo  trattamento. Per questa ragione non è prevista nessuna conferenza stampa o comunicato scritto". Sia i medici che il manager dell'ex pilota, Sabine Kehm, hanno chiesto di "rispettare il segreto professionale e rimettersi esclusivamente alle informazioni dei medici responsabili o del management, le uniche informazioni valide". Nel tardo pomeriggio sono arrivate le parole della portavoce Sabine Kehm che ha parlato di "piccoli miglioramenti", anche se ha definito la situazione di Schumi ancora grave.

Le indiscrezioni - Lo stato di salute di Michael Schumacher, in coma dopo il terribile incidente sugli sci a Meribel otto giorni fa, sarebbe "in leggero miglioramento". Secondo i medici dell'ospedale di Grenoble, Schumacher mostra leggeri segni di miglioramento, ha precisato una fonte all'agenzia Sid, filiale d'informazione sportiva dell'Afp, aggiungendo che le sue condizioni restano comunque sempre critiche.

Le indagini -
Il procuratore e la polizia terranno una conferenza nell'ambito delle indagini dell'incidente di  Michael Schumacher, mercoledi' alle ore 11 presso il tribunale di  Albertville, come annunciato oggi dal procuratore Patrick Quincy. La  conferenza si concentrera' sullo stato di avanzamento delle indagini.

La lettera di Hakkinen -
Il pilota finlandese, campione del mondo con la McLaren nel biennio 1998-'99, in una lettera pubblicata sull'edizione domenicale dellA Bild, ha chiesto al suo ex rivale di "continuare a combattere, proprio come siamo abituati a fare in pista. "Fammi un favore, questa volta non cercare di arrivare primo. Non è necessario per ottenere il miglior tempo in questa corsa, prenditi il tempo necessario".

Un nuovo video
- Mentre il casco con telecamera è stato consegnato dalla famiglia alla polizia, ci sarebbe un altro video che testimonia che Schumacher sciava a non oltre 20 Km/h al momento della sua sfortunata caduta. E' quanto riferisce "Der Spiegel". Il magazine tedesco scrive di un turista che stava sciando sulla stessa pista di Schumi a Meribel e che ha un video che permetterebbe di vedere l'incidente del sette volte campione del mondo di F.1. L'uomo stava riprendendo la sua fidanzata, quando, sullo sfondo, uno sciatore è caduto su un sentiero non marcato. Corrisponderebbero l'ora ed il luogo dell'incidente a Schumacher.

Tutti i siti Sky