Caricamento in corso...
02 aprile 2014

Ferrari senza sosta: duro lavoro e in testa solo il Bahrain

print-icon
alo

Fernando Alonso e la Ferrari pronte alla prossima sfida in Bahrain (Foto Getty)

"Abbiamo un programma di sviluppo da portare avanti", ha detto il team principal Domenicali. Parte della squadra è a Maranello per dare una macchina migliore ad Alonso e Raikkonen in vista della terza sfida del Mondiale

La Ferrari è impegnata senza sosta per recuperare il gap che le prime due gare della stagione hanno evidenziato rispetto agli avversari. Mentre parte del team è in Bahrain per il terzo Gran Premio 2014, a Maranello si continua a lavorare per sviluppare al massimo la vettura e tirare fuori dal progetto F14 T le prestazioni che per ora si sono solamente intuite. Come ha detto il team principal Stefano Domenicali "dobbiamo riuscire a dare ai nostri piloti una vettura che sia il più possibile vicino alle loro esigenze di guida. Abbiamo un programma di sviluppo da portare avanti, sappiamo dove migliorare e sappiamo che dobbiamo farlo in tempi stretti".

Lavoro personalizzato
- Gli ingegneri, oltre al programma di sviluppo generico, hanno quindi pianificato anche un lavoro personalizzato in funzione delle caratteristiche dei due piloti. Con Raikkonen, in particolare, si sta operando per avvicinare il più possibile la F14 T al suo stile di guida, da sempre molto particolare. Il finlandese, dopo la prima gara, aveva dato delle indicazioni ai tecnici per poter avere una vettura che lo mettesse maggiormente a suo agio. I suoi suggerimenti sono stati applicati e i primi miglioramenti si sono visti nelle prove libere della Malesia, quando Raikkonen è stato secondo in entrambe le sessioni. Questo lavoro di adattamento proseguirà anche nelle prossime settimane. Con Alonso l'obiettivo è invece quello di incrementare ancora di più il lavoro di interfaccia tra il pilota e la squadra. Infatti non c'è simulazione computerizzata che possa sostituire l'esperienza diretta di chi guida la vettura e le indicazioni dello spagnolo, alla fine di ogni gara così come dopo ogni sessione di prove, sono fondamentali per capire in quali aree le prestazioni possono essere ancora migliorate.

Tutti i siti Sky