Caricamento in corso...
27 giugno 2014

Spielberg rewind: assolo Mercedes, ma qualcosa è cambiato

print-icon
gra

Le termocamere FOM, montate sulla Mercedes

VERSO LA GRAN BRETAGNA . In Austria confermata la forza del team tedesco, che non ha apportato grandi modifiche. La Williams ha dimostrato di adattarsi ad un tracciato che privilegia l'efficienza rispetto al carico aerodinamico. Ferrari? Mica così male

di Cristiano Sponton

Dopo 11 anni di assenza il circus della F1 è tornato a correre sul circuito austriaco, e l'ha fatto con la solita egemonia Mercedes, meno pronunciata rispetto alle altre gare della stagione. La prima fila tutta Williams aveva illuso ma in gara la W05 ha dimostrato ancora una volta di essere la monoposto più forte. Il team anglo-tedesco non ha introdotto novità tecniche rilevanti ma ha continuato ad usare la medesima configurazione aerodinamica utilizzata negli scorsi GP. Le termocamere FOM, montate sulla Mercedes W05 Hybrid, hanno messo in luce la vera funzione del monkey seat posteriore (ala Y100) che è quella di deviare verso l'alto (upwash) sia il flusso d’aria che investe l'ala, sia i gas di scarico che fuoriescono dal terminale. In questo modo viene massimizzata la deportanza creata dall'ala posteriore in quanto viene accelerato il flusso che investe il dorso dell'ala posteriore.



La vera sorpresa - E' stata la Williams FW36 che ha ottenuto un incredibile prima fila. La monoposto ha dimostrato di adattarsi perfettamente a questo tracciato che privilegia l'efficienza rispetto al carico aerodinamico. La forza dimostrata in qualifica dal team di Grove sta anche nella scelta fatta dagli ingegneri sull’impianto frenante anteriore. Per facilitare la messa in temperatura degli pneumatici è stato rimosso il cestello per dissipare il calore direttamente sui cerchioni.

Segnali incoraggianti - Positive le prestazioni della Ferrari F14 T (sono stati utilizzati tutti gli aggiornamenti tecnici) che, soprattutto con Alonso, ha dimostrato di aver fatto un salto avanti in termini prestazionali. Soprattutto con le gomme morbide la F14 T ha girato costantemente sugli stessi tempi di Mercedes e Williams.

Tutti i siti Sky