Caricamento in corso...
11 ottobre 2014

Ferrari indietro tutta, Alonso: "Gli altri volano"

print-icon

Qualifiche amare per lo spagnolo: "Perdiamo in tutti e tre i settori, possiamo solo sperare nella partenza in gara". Hamilton promette spettacolo, Rosberg pronto a rincorrerlo. Bottas: "Ho rischiato troppo, perdendo all'ultimo la pole"

A Sochi sembra ancora lontana dal cambio di marcia la Ferrari, che non va oltre l'ottavo tempo firmato nelle qualifiche da Fernando Alonso. Grazie alla retrocessione di Magnussen, fuori nel Q2, lo spagnolo partirà dalla settima posizione, ma la sostanza non cambia: in gara servirà un miracolo, per puntare al podio. "Perdiamo in tutti e tre i settori. Onestamente la macchina sembra ok, non c'è un problema grosso, ma c'è gente che va 1 secondo più veloce di noi", ammette lo spagnolo. "Domenica sarà decisiva la partenza, la prima curva può definire l'ordine d'arrivo del Gran Premio".

Hamilton esulta - Non cambia la Ferrari e non cambia nemmeno la Mercedes, protagonista del weekend: "Devo ringraziare il team per il gran lavoro fatto e per avermi dato una macchina così", sottolinea Lewis Hamilton, "Mi piace davvero guidare qui, non è stato semplice stare davanti. "Speriamo di poter regalare un bello spettacolo al pubblico in gara", aggiunge il britannico.

Bottas a un passo dall'impresa - Sfiora il colpaccio il pilota della Williams, che ammette: "In curva ho rischiato tutto, forse troppo, per me il sogno della pole è finito lì. Non è bello commettere un errore, ma oggi forse mi è costato al massimo una posizione".

Rosberg si inchina ad Hamilton - Nico non può fare altro che accettare la superiorità del compagno di scuderia: "Lewis è stato più veloce per tutto il weekend, dobbiamo ora lavorare duro per cercare di avvicinarci visto che ancora non ci siamo riusciti. Oggi è andata così e bisogna accettarlo". Attenzione alle Williams: "Bottas può partire veloce da dietro, ma la prima fila è una buona posizione per cominciare e da lì è tutto possibile".

Tutti i siti Sky