Caricamento in corso...
18 settembre 2015

Singapore, sbuca Kvyat: Red Bull più veloce nelle Libere 2. Raikkonen 2°

print-icon
kvy

Seconde libere del venerdì di Marina Bay a Daniil Kvyat della Red Bull (Foto Getty)

Ottima seconda sessione per il team anglo-austriaco, che ottiene anche il terzo tempo con Ricciardo. Bene la Ferrari con Kimi. Quarta la Mercedes con Hamilton, poi la Rossa di Vettel

Daniil Kvyat ha realizzato il miglior tempo nelle seconde prove libere del Gp di Singapore,  tredicesimo appuntamento del mondiale di F1. Il russo della Red Bull  ha girato in 1'46"142 precedendo il finlandese della Ferrari Kimi  Raikkonen (1'46"181) e l'australiano Daniel Ricciardo (1'46"256) suo  compagno di scuderia. Quarto tempo per il campione del mondo in carica e leader iridato, l'inglese della Mercedes Lewis Hamilton (1'46"479) che si è piazzato davanti al tedesco della Ferrari Sebastian Vettel (1'46"487), al messicano della Force India Sergio Perez (1'46"659) e al tedesco Nico  Rosberg (1'46"781) con la seconda freccia d'argento.

A completare la top ten lo spagnolo Fernando Alonso (1'46"959) con la migliore delle  McLaren, il tedesco della Force India Nico Hulkenberg (1'47"294) e l'olandese della Toro Rosso Max Verstappen (1'47"427).

Le Libere 1 - Il weekend di Marina Bay a Singapore comincia con Nico Rosberg che fa segnare il miglior tempo nelle libere 1 del venerdì in 1:47.995. Subito dietro il compagno di squadra Lewis Hamilton a 0,319 secondi. La sorpresa è Daniel Ricciardo che non è lontanissimo e va a prendersi il terzo posto (0,336 secondi il suo ritardo dalla prima posizione). 

Le Ferrari- Quarta posizione per la prima Ferrari di Sebastian Vettel a mezzo secondo. Quinto Kimi Raikkonen a 0,790 secondi. Sesto posto per la Williams di Bottas, seguito da un ottimo Max Verstappen con la Toro Rosso, e la Force India di Hulkenberg. Buon 11esimo tempo per la McLaren di Fernando Alonso. Quindicesimo Jenson Button e solo 17.esima l’altra Williams di Felipe Massa. 

Rossi, non bene la prima - Nei minuti finali la Marussia dell’americano Alexander Rossi, alla prima in pista (in settimana l’ufficialità del suo cambio alla guida al posto di Roberto Mehri), ha perso il controllo della sua vettura e si è scontrato sulle barriere. Vetture in pista con 30° e il 75% dell’umidità.

 

Tutti i siti Sky