Caricamento in corso...
03 febbraio 2016

Bentornata Renault: il team svela la nuova monoposto

print-icon

La scuderia francese si presenta a Parigi: in pista la nuova coppia Magnussen-Palmer. Terzo pilota sarà il giovanissimo Esteban Ocon. "Gli sport automobilistici stimolano sempre l'immaginario collettivo", ha detto l'amministratore delegato Ghosn

E’ il giorno della Renault. Dopo cinque anni di assenza la scuderia francese torna in Formula 1 presentando in grande stile, presso il Techno Center a Guyancourt, la squadra che debutterà al Mondiale del 2016, dal 20 marzo con il GP d'Australia a Melbourne. In pista ci saranno il pilota danese Kevin Magnussen e il debuttante inglese Jolyon Palmer, figlio dell'ex pilota Jonathan Palmer. L'ex della McLaren, come già emerso da recenti indiscrezioni, sostituisce il venezuelano Pastor Maldonado, che aveva guidato fino allo scorso anno la Lotus, scuderia acquisita proprio da Renault per tornare in prima persona nel circus.

Magnussen e Palmer saranno affiancati dal giovane francese Esteban Ocon, che entra nel team transalpino come terza guida e pilota di riserva. La casa francese ha annunciato anche la nascita del Renault Sport Academy che si pone il duplice obiettivo di individuare giovani talenti in grado di accedere alla Formula 1 e di offrire ai diversi mercati di Renault l'opportunità di svolgere un ruolo attivo nelle performance sportive del futuro, grazie alla promozione ed al supporto dei loro piloti locali.


A svelare i progetti del marchio automobilistico francese, il presidente del gruppo Carlos Ghosn: "Siamo convinti che gli sport automobilistici stimolino sempre l'immaginario - ha detto - non solo degli appassionati, ma di tutti gli automobilisti. Oggi lanciamo un programma completo, la Formula 1 è al centro del nostro impegno teso ad aumentare la notorietà della gamma Renault in particolar modo nei territori in cui la marca compie i suoi primi passi".

 

Prost: "Forza Ferrari" - A margine della presentazione del team Renault Alain Prost ha fatto il punto sul Mondiale: "Per vedere una Renault competitiva bisognerà aspettare almeno due o tre anni. Se arriveranno nuove regole, per Renault potrebbe essere un vantaggio". Sul testa a testa Ferrari-Mercedes: "Se la Rossa riuscisse a battere la scuderia tedesca in questa stagione sarebbe un bene per la Formula 1. Vorrei vedere che ciò accadesse".

Tutti i siti Sky