Caricamento in corso...
11 giugno 2016

Lewis: "Non conta quanto, basta stare davanti"

print-icon

Hamilton raggiante dopo la pole nel GP del Canada: "E' bello essere vicini, sarà interessante per domani: sarà una bella gara". Leggermente deluso Rosberg, 2° a pochi millesimi: "Speravo di fare meglio"

Lewis Hamilton sigla la sua quinta pole position nel Gran Premio del Canada, ad una sola dal record che appartiene a Michael Schumacher. Un risultato mai messo in dubbio per tutto il weekend visto il ritmo incalzante mantenuto dal campione del mondo della Mercedes che si è sempre migliorato, tranne che nelle terze libere quando è stato Vettel il più veloce. Alla fine ha ottenuto la pole con un grande tempo di 1'12"812 lasciandosi alle spalle il compagno di team, Rosberg, per soli 62 millesimi e Vettel per 178. "Non importa di quanto tu sia davanti, ma importa che tu sia davanti", dice il tre volte iridato in conferenza stampa. "Oggi non ho ritrovato il passo che avevo ieri, ma è stato sufficiente. Forse potevo ottenere un tempo migliore, ma è bello essere vicini, soprattutto per i fans perché questo sarà interessante per domani: sarà una bella gara, anche se la migliore posizione è la mia", conclude Hamilton.

Ovviamente è deluso Nico Rosberg che dopo aver ottenuto il suo miglior tempo nel suo primo tentativo nella Q3 non è riuscito ad essere più veloce nel secondo, dove ha commesso un errore di guida. "Speravo di far meglio - dice - il mio primo giro è stato buono ma non sufficiente per battere Lewis. Nel secondo quindi ho cercato di estrarre il coniglio dal cilindro ma ho sbagliato", ammette il leader della classifica piloti. "La Mercedes è la macchina migliore e domani tutto possibile. Con le condizioni meteo previste che sono incerte, tutto può succedere", conclude Rosberg.

Tutti i siti Sky